Quantcast

Gori, La Vigna e Starita. Il Pro si scopre giovane

Esordio convincente per il Pro Piacenza con la sorprendente affermazione contro la Giana Erminio.

Più informazioni su

Esordio convincente domenica scorsa per il Pro Piacenza con la sorprendente affermazione contro la Giana Erminio.

Per i biancoazzurri evidentemente è disco rosso di fronte alla squadra di Pea, viste le due sconfitte e i due pareggi nei precedenti in Serie C.

Una vittoria frutto della buona tenuta difensiva, in particolare grazie agli ottimi interventi dell’esordiente Gori, ma anche della capacità dei rossoneri di capitalizzare al meglio le occasioni offensive con un Alessandro, ritrovato prezioso finalizzatore e la verve dei giovani Starita e La Vigna.

Manovra semplice e lineare con una difesa ben coperta e pronta aggressività nel lanciarsi negli spazi, appoggiandosi sia sulle sponde di Alessandro e Mastroianni ma anche sulle incursioni laterali di Bazzoffia e Starita.

I TOP: sicuramente il trio verde Gori- La Vigna-Astarita con il primo paratutto nella mezz’ora iniziale nella quale la Giana Erminio ha avuto il chiaro predominio territoriale con almeno quattro occasioni da rete.

Conferma per il centrocampista ex-Atalanta e Piacenza che , oltre alla pregevole rete che ha sbloccato il risultato, ha dato seguito alle buone sensazioni della passata annata con qualità di mediano di temperamento ma anche di buon tasso tecnico.

Per Astarita premio soprattutto per la rete del 2-0 ma anche per la buona tenuta sull’out di destra dove le incursioni dell’esterno Foglio potevano creare grattacapi e patemi.

I FLOP: L’atteggiamento troppo compassato di parte del primo tempo. Eccessiva facilità degli ospiti nel creare gioco ed azioni, con le fasce messe chiaramente sotto pressione ed una linea di centrocampo molto bassa, che ha concesso metri alla avvolgente manovra della formazione di Albè, al tiro dal limite in almeno tre occasioni.

Qualche difficoltà tattica nel leggere la posizione di Greselin, che si alternava tra trequartista nel 4-3-1-2 e a mezz’ala nel 4-3-3, costringendo Beduschi all’uno contro uno.

Solo la giornata di grazia del portiere Gori ha permesso al Pro di tenere inviolata la porta nel primo tempo, ma le difficoltà di approccio dei padroni di casa sono parse palesi.

Giancarlo Tagliaferri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.