Nasce l’albo dei cittadini “attivi”: dal 1° settembre via alle iscrizioni

Il materiale informativo e il modulo per la domanda di adesione, che dovrà essere compilata anche da coloro che già svolgono volontariato di cittadinanza attiva, sono scaricabili dal sito web comunale – sia nella sezione PiacenzaPartecipa

Più informazioni su

Istituzione dell’Albo dei Cittadini Attivi – Volontari. Dal 1° settembre al 15 ottobre le iscrizioni

L’Amministrazione comunale di Piacenza rende noto che, in attuazione del Regolamento della Partecipazione, verrà costituito a breve l’Albo dei Cittadini Attivi – Volontari.

Un elenco cui dovranno essere iscritti non solo i singoli, ma anche le associazioni, le rappresentanze professionali, di categoria e organizzazioni datoriali, le scuole e le cooperative che, gratuitamente, intendano mettere a disposizione della collettività il proprio tempo e le proprie capacità, collaborando con il Comune nella gestione e manutenzione dei servizi di pubblica utilità sul territorio.

Il materiale informativo e il modulo per la domanda di adesione, che dovrà essere compilata anche da coloro che già svolgono volontariato di cittadinanza attiva, sono scaricabili dal sito web comunale – sia nella sezione PiacenzaPartecipa, sia in evidenza in home page – o reperibili presso gli sportelli Quinfo di piazzetta Pescheria.

Le iscrizioni saranno aperte dal 1° settembre prossimo al 15 ottobre. Per ulteriori dettagli e chiarimenti si può scrivere a partecipazione@comune.piacenza.it , indirizzo al quale dovranno essere inviate le richieste di adesione o eventuali progetti che si vogliano proporre. Chi lo preferisse, può consegnare il tutto in formato cartaceo al punto Quinfo.

Diversi gli ambiti di intervento in cui è prevista la figura dei cittadini attivi, a cominciare dall’area culturale, sportiva e ricreativa che comprende le iniziative a tutela, promozione e valorizzazione del patrimonio storico e artistico, nonché le manifestazioni pubbliche organizzate o patrocinate dall’Amministrazione comunale, ma anche la gestione delle sale pubbliche, o la sorveglianza delle strutture ricreative e culturali per favorire l’accesso dell’utenza.

Viene definita area civile, invece, quella inerente alla tutela della qualità di vita, dell’ambiente e del paesaggio, includendo tra le diverse attività possibili la cura delle aree verdi e degli edifici scolastici, di monumenti e strutture pubbliche, nonché interventi di piccola manutenzione dell’arredo urbano (sistemazione di panchine e rastrelliere per biciclette, ad esempio).

Rientrano in quest’ambito anche gli accompagnatori delle linee Pedibus, così come coloro che coltivano gli orti urbani o che si rendono disponibili a ripulire le superfici imbrattate da scritte vandaliche, nonché le collaborazioni con la Onlus Insieme per l’Hospice e la Fondazione “Casa di Iris”.

E’ indicata come area gestionale, infine, quella relativa ad attività di supporto agli uffici comunali: dall’apertura o chiusura di sedi municipali in occasione di particolari eventi, sino alla distribuzione di locandine e materiale informativo, ma anche il supporto all’attività del canile municipale o la divulgazione di lingue straniere, nuove tecnologie e mestieri antichi.

Informazioni più esaustive sono contenute nel documento “Criteri per la gestione del servizio di volontariato – cittadinanza attiva”, anch’esso scaricabile dal sito www.comune.piacenza.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.