Quantcast

Villanova, scettici i comitati. De Micheli e Calza “I soldi ci sono” foto

Dopo la conferenza socio sanitaria di ieri a Piacenza, che ha visto la partecipazione dell'assessore regionale alla sanità Sergio Venturi, non si placa il dibattito sul futuro della struttura di Villanova. 

Dopo la conferenza socio sanitaria di ieri a Piacenza, che ha visto la partecipazione dell’assessore regionale alla sanità Sergio Venturi, non si placa il dibattito sul futuro della struttura di Villanova.

Sul tema interviene con una nota il Sottosegretario all’Economia Paola De Micheli che chiarisce come i fondi per la trasformazione della struttura possano essere attinti da più fonti di finanziamento.

Per i comitati di protesta, nati per la salvaguardia dell’ospedale, invece, le rassicurazioni arrivate dall’assessore non sono state sufficienti a dissipare i dubbi.

Dal canto suo, la presidente della conferenza socio sanitaria Patrizia Calza rassicura sindaci e cittadini, in una nota pubblicata su Facebook. 

Ospedale Villanova, il Sottosegretario De Micheli: “Sostegno alla trasformazione in centro nazionale paralimpico, opportunità da non perdere” – La nota stampa

“Una nuova vita per l’ospedale Giuseppe Verdi di Villanova, pieno sostegno alla trasformazione di un presidio sanitario storico del territorio piacentino in un nuovo centro sportivo di valore nazionale. 

Le risorse per realizzare la nuova struttura possono essere attinte da più fonti distinte di finanziamento, per questo è importante la presentazione del progetto”.

Lo afferma il Sottosegretario all’Economia Paola De Micheli, che interviene sul dibattito all’interno della Conferenza sociosanitaria provinciale di Piacenza sul futuro dell’ospedale del comune della bassa Val d’Arda. 

“Proprio nella giornata di ieri, martedì primo agosto – aggiunge – ho partecipato all’ultimo di una serie di incontri per lo stanziamento dei fondi necessari, a testimonianza del costante impegno che stiamo mettendo ormai da mesi su questo tema”. 

“E’ stato avviato infatti un confronto serrato con il Cip, Comitato Paralimpico Italiano, – fa notare – che si è espresso a favore della creazione a Villanova di un centro di rilevanza nazionale. Si tratta di un’opportunità irripetibile per il nostro territorio, in grado di valorizzare e rilanciare la funzione dell’ospedale “Verdi”, non solo legata alla riabilitazione sanitaria, ma anche alla pratica sportiva per gli atleti paralimpici e alla sua promozione”.

“L’assessore regionale alla Sanità Sergio Venturi – spiega Paola De Micheli – ha sollecitato gli amministratori piacentini ad esprimersi per arrivare in tempi rapidi alla presentazione di un progetto, credo che questo sia un passaggio fondamentale e sono certa che nelle prossime settimane il suo appello sarà accolto. 

Voglio ringraziare le istituzioni locali e i sindaci, l’azienda sanitaria – conclude – e anche la presidente della Conferenza sanitaria Patrizia Calza per il lavoro che stanno svolgendo, con l’obiettivo di offrire una risposta concreta al futuro del presidio di Villanova. Se, come auspico, ci sarà la volontà di proseguire sulla strada indicata, in questo caso saranno garantite le risorse necessarie”.   

Il post pubblicato su Facebook da Patrizia Calza, presidente della conferenza socio sanitaria – Credo che sia il caso di riassumere l’esito della Conferenza socio sanitaria di ieri alla presenza dell’assessore regionale Venturi nel merito del futuro della struttura di Villanova . Questo è ciò che i sindaci ora conoscono:

1) le risorse per l’investimento ovvero la realizzazione della struttura verranno messe a disposizione dal Governo.Lo ha chiarito l’Assessore e queste sono le rassicurazioni fornite dal Sottosegretario De Micheli , che proprio ieri era impegnata in un incontro volto a decidere le modalità di erogazione dei fondi;

2) le risorse per sostenere i costi di gestione verranno garantiti dalla Regione come settore sanità e come settore sport, ovviamente senza trascurare sinergie con altri Enti o canali di finanziamento;

3) il CIP è disponibile a redigere il progetto entro la fine dell’anno. Il tempo è necessario per la ridotta struttura in forza al CIP che potrebbe essere potenziata da figure tecniche della regione e dell’AUSL ma che comunque deve dirigere direttamente la progettazione data la specificità dell’intervento . 

Ciò premesso , ai sindaci l’assessore ha chiesto quindi la disponibilità a lavorare su questa ipotesi.I sindaci hanno il diritto-dovere di respingere questa opportunità nonchè il diritto-dovere di chiedere altre soluzioni .  Personalmente aggiungo solo una considerazione:gli Accordi di programma , come è noto, sanciscono la volontà di più soggetti di perseguire un obiettivo e stabiliscono chi fa che cosa: chi progetta, chi finanzia, chi espropria, ecc….. A queste domande è stata data risposta . Manca l’espressione di volontà del territorio.. conditio sine qua non.

L’intervento di Bruno Galvani, presidente della Fondazione Anmil e portavoce del comitato Amici di Giuseppe Verdi – “Da Venturi nulla di concreto, restano i dubbi”

“Se fino a ieri avevamo l’ipotesi Cip (il Comitato italiano paralimpico, che dovrebbe gestire l’attuale centro riabilitativo qualora venga davvero riconvertito in un luogo per lo sport dei cittadini affetti da disabilità – ndr), oggi scherzando potremo dire di avere anche Ciop, perchè questa storia sembra scritta da Walt Disney.

L’assessore Venturi ammirevolmente si sobbarca il viaggio da Bologna a Piacenza con questo caldo, ma con il suo prevedibile intervento davanti alla Ctss non aggiunge nulla di concreto a quello che già si sapeva sulla vicenda Villanova, lasciando tutti i dubbi del caso. Bene hanno fatto quei sindaci che hanno chiesto qualcosa di davvero tangibile da poter visionare e non aspettare quasi sei mesi per avere una fantomatica bozza di progetto ed intanto votare positivamente il bilancio 2018 dell’Aus.

Il fatto che il voto sia stato spostato nel prossimo mese di ottobre ci dice con chiarezza che qualcosa nel piano di riordino della rete ospedaliera votato lo scorso mese di marzo presenta criticità significative, come in tutti questi mesi i comitati salva sanità pubblica hanno sempre denunciato.

E poi la cosa che grida vendetta è che per tagliare 40 posti letto si sta tentando di sacrificare l’ospedale di Villanova dicendo che non vi sono i soldi per adeguarlo ai nuovi standard, mentre misteriosamente saltano fuori i soldi per il centro sportivo e per sostenerne i costi di gestione, che sicuramente saranno significativi”.

L’intervento del presidente di Forza Italia Emilia Romagna Elio Massimo Palmizio

Faccio mie le domande del Sindaco Romano Freddi sul centro paralimpico che dovrebbe nascere nell’ospedale di Villanova.

Fermo restando che condivido la contrarietà di tanti amministratori al nuovo piano sanitario e allo spostamento a Fiorenzuola dell’unità spinale occorre sottolineare che le richieste del Sindaco di Villanova sono logiche e concrete.
Il tentativo della Regione di scaricare sue responsabilità su altri facendo fretta ai Sindaci della Provincia di Piacenza mi pare scorretta.

La  realtà è che un progetto del comitato paralimpico ancora non c’è , vi è soltanto una proposta abbastanza generica.
Non si conosce l’entità dei costi né del finanziamento e neppure  si conosce  il sistema di gestione?;
?
Cosa e quanto sarà di competenza regionale, provinciale comunale ed eventualmente  del CONI ?

Domande che rivolgerò in una interrogazione al ministero dello sport e direttamente alla Presidenza del Comitato Paralimpico e al Presidente del Coni.

Spero che un intervento Parlamentare sblocchi il progetto e metta in sicurezza il futuro dell’ospedale di Villanova.

On Elio Massimo Palmizio 
Presidente Forza Italia Emilia Romagna 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.