Il presidio Usb in Procura: “Abdel Salam ucciso dal profitto” foto

Manifestazione del sindacato Usb a Piacenza davanti alla Procura della Repubblica in occasione della prima udienza preliminare del processo per la morte di Abdel Salam

Manifestazione del sindacato Usb a Piacenza davanti alla Procura della Repubblica in occasione della prima udienza preliminare del processo per la morte di Abdel Salam. La prima udienza è stata rinviata a data da destinarsi.

Un gruppo di lavoratori aderenti al sindacato autonomo ha dato vita a una manifestazione per chiedere giustizia.

IL VIDEO

Imputato con l’accusa di omicidio stradale è il camionista 44enne che il 14 settembre del 2016 investì e uccise il facchino di nazionalità egiziana davanti alla sede della ditta di trasporti Gls a Montale.

Ahmed Abdel Salam, stava infatti manifestando insieme ad altri aderenti al sindacato Usb l’ingresso dell’azienda per protestare contro le condizioni di lavoro.

Il Pubblico ministero  Emilio Pisante ha chiesto che l’autista venga processato per omicidio stradale, ritenendo che comunque la sua condotta non sia stata sufficientemente prudente in quella sera e in quel momento in cui vi erano in corso accese proteste davanti ai cancelli.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.