Quantcast

Il taglio del nastro del capo cantiere “Abbiamo fatto il nostro dovere” foto

I dipendenti della ditta Cdf non si sono risparmiati nel lavoro sul cantiere, e se è stato possibile consegnare il cantiere in anticipo rispetto al previsto è stato merito loro.

Più informazioni su

Lo ha ribadito il presidente della Provincia di Piacenza Francesco Rolleri: i dipendenti della ditta Cdf non si sono risparmiati nel lavoro, e se è stato possibile consegnare il cantiere del ponte sul Trebbia in anticipo rispetto al previsto è stato merito loro.

Per questo motivo il taglio del nastro è stato affidato al capo cantiere, Giancarlo Pagani (nella foto a fianco di Patrizia Calza e insieme ad altri lavoratori), che ha seguito i lavori dall’inizio alla fine. 

“Al caldo ci siamo abituati, e nonostante qualche imprevisto nella demolizione – dice Pagani, uomo di poche parole – abbiamo operato per finire nei tempi previsti.

Abbiamo lavorato tutti i sabati con 15-20 operai su ogni turno. Abbiamo fatto il nostro dovere”. 

La vicepresidente della Provincia Patrizia Calza ha voluto ringraziare da sindaco “i cittadini di Gragnano che hanno sopportato i disagi con grande civilità”.

“E poi sono doverosi i ringraziamenti all’Ingegner Bergonzini, direttore dei lavori, agli ingegneri della Provincia Reggi e Pozzoli, a tutti gli operai, e anche agli agenti della polizia provinciale e della polizia municipale dell’Unione per il loro grande impegno. 

“La conclusione di questa opera è un messaggio – conclude – di fiducia nei confronti delle istituzioni e delle imprese”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.