Quantcast

La Fondazione celebra 25 anni con mostra e concerto di Jannacci

L’inaugurazione della mostra sarà l’occasione per un grande momento di spettacolo: il concerto del Paolo Jannacci Duet – Jazz, con Daniele Moretto alla tromba

Più informazioni su

La storia della Fondazione di Piacenza e Vigevano e del suo Auditorium, di cui ricorrono quest’anno i 25 anni di attività, è ripercorsa in una mostra allestita presso lo Spazio espositivo dell’Ente a Palazzo Rota Pisaroni.

In occasione dell’evento sabato 30 Settembre 2017, alle ore 18 presso l’ Auditorium Paolo Jannacci Duet – Jazz in concerto. Seguirà il rinfresco per l’inaugurazione della mostra.
 
«I nostri venticinque anni di continuità  – spiega il Presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano Massimo Toscani – partono dal 1991, la nascita delle Fondazioni, e arrivano all’esercizio 2016 che abbiamo approvato quest’anno. La missione del nostro ente è rimasta immutata, contemplando due scopi fondamentali: perseguire l’utilità sociale e lo sviluppo economico del territorio. Oggi il profilo strategico e operativo delle fondazioni è sempre più distante dall’originaria figura di semplici “enti di beneficenza”.

Il presente, e ancor di più il futuro, ci impongono un ruolo sempre più nevralgico in termini di progettualità e catalizzazione di risorse finalizzate al pubblico interesse. I venticinque anni dalla nascita li abbiamo celebrati lo scorso anno insieme alla città, offrendo due eventi all’insegna del teatro e della poesia alla Galleria d’arte moderna Ricci Oddi e in Piazza Cavalli.

Da un punto di vista operativo, il 2017 segna invece il quarto di secolo dall’avvio della fase progettuale vera e propria, nonché dall’apertura dell’Auditorium, la cui attività è ancora oggi il biglietto da visita delle azioni culturali della Fondazione. A questa doppia ricorrenza, per ripercorrere la nostra storia dagli albori ad oggi, dedichiamo una mostra che promette di dar conto alla città – poiché sono i cittadini i nostri interlocutori privilegiati – di quanto è stato fatto fino ad ora. Tanto ancora ci attende».
 
LA MOSTRA – Lo spazio espositivo di Palazzo Rota Pisaroni ospiterà un percorso, declinato in pannelli e video, che ricostruisce la nascita delle fondazioni bancarie per concentrarsi poi sull’attività della Fondazione di Piacenza e Vigevano. Testo e immagini ripercorrono storia e attività dell’ente: dal patrimonio immobiliare all’attuale sede, dai settori di intervento fino ai principali progetti realizzati in questi venticinque anni.

Uno spazio prevalente è dedicato all’Auditorium, che dai primi anni Novanta – e con un impulso particolare a partire dal 1995 – ha ospitato migliaia di eventi e incontri culturali: i dati, a tutto il 2016, registrano infatti oltre 4.000 appuntamenti, ai quali hanno preso più di 320mila persone.
 
LO SPETTACOLO – L’inaugurazione della mostra sarà l’occasione per un grande momento di spettacolo: il concerto del Paolo Jannacci Duet – Jazz, con Daniele Moretto alla tromba. Si tratta di un progetto musicale basato soprattutto sulla ricerca dell’interplay (azione-reazione)  e la sensibilità dei due artisti. La mancanza di un supporto ritmico, come la batteria e il basso, genera un suono raffinato, deciso, emozionale, perché esalta la melodia e l’interpretazione.

Prendono vita brani dall’intenso lirismo, come Who can I turn to di Leslie Bricusse, Insensatez di Jobim e O que serà di Chico Buarque, ma anche i brani originali di Paolo Jannacci, come Allegra e Chiara’s Tune. Non manca il momento in cui omaggia il padre, interpretando pietre miliari come Vincenzina e Vengo anch’io no tu no.
 
Fondazione di Piacenza e Vigevano
25 ANNI DI CONTINUITÀ

 
30 SETTEMBRE – 31 OTTOBRE 2017
 
Spazio espositivo di Palazzo Rota Pisaroni
Via S. Eufemia 13, Piacenza
 
Aperto dal lunedì al venerdì
ore 9 – 13 / 14 – 18
Ingresso libero

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.