Parola d’ordine è condivisione, il nuovo prefetto Falco si presenta foto

Per il nuovo prefetto Falco si tratta di un ritorno a Piacenza, all'inizio della carriera nel 1989 ha lavorato alla nostra Prefettura, dove ha svolto il ruolo di Funzionario addetto al gabinetto del Prefetto

Una prima giornata dedicata agli incontri con le istituzioni e i rappresentanti delle forze dell’ordine per il neo prefetto di Piacenza, Maurizio Falco.

Cinquantasei anni, in arrivo dal dipartimento immigrazione e libertà civili del Ministero dell’Interno, il successore di Anna Palombi in realtà conosce già la nostra provincia. Per il prefetto Falco si tratta infatti di un ritorno a Piacenza, proprio qui infatti ha iniziato la sua carriera nel 1989, con il ruolo di Funzionario addetto al gabinetto del Prefetto e Responsabile dell’Ufficio depenalizzazione sino al 25 aprile 1991, quando è stato trasferito al Viminale.

Il prefetto Falco ha incontrato in modo informale la stampa, insieme alla moglie Maria Luisa e al figlio Nico. Interpellato in merito all’emergenza migranti il prefetto ha detto di voler “per il momento rispondere in maniera cauta ma non evasiva.

Voglio vedere qual è la situazione – ha detto il prefetto – incontrando i sindaci, questa mattina ho già avuto modo di incontrare il sindaco Patrizia Barbieri e il primo cittadino di Fiorenzuola (Romeo Gandolfi, ndr), per condividere le soluzioni. Tutto quello che si fa insieme ha maggiori possibilità di successo”. 

Quali le priorità di intervento in questi primi 100 giorni? “Prima voglio capire, ma sarò veloce non preoccupatevi. Non ho intenzione di prendermi troppo tempo, ma neppure si può pensare che io da subito parli e discetti di cose che non conosco, sarebbe ancora peggio sembrare il tipo che azzarda soluzioni.

Tuttavia è chiaro, parlando del tema sicurezza questa mattina ho incontrato i rappresentanti delle forze dell’ordine, che sono confortato da quello che ho trovato – prosegue il prefetto Falco –  come coesione sociale, non soltanto tra i cittadini ma anche tra le istituzioni preposte al controllo del territorio”. 

GUARDA L’INTERVISTA 

 

Nota di colore a margine, la nostra città è conosciuta ed apprezzata anche dalla signora Maria Luisa, che ha avuto modo di frequentare Piacenza, quando era solita raggiungere l’allora fidanzato Maurizio Falco ai tempi della sua prima nomina. 

Il Sottosegretario Paola De Micheli: “Buon lavoro e bentornato a Piacenza al neo prefetto Maurizio Falco”

“Buon lavoro e bentornato a Piacenza al neo prefetto Maurizio Falco”. Il Sottosegretario all’Economia Paola De Micheli saluta l’arrivo al Piacenza del nuovo rappresentante territoriale dello Stato, che ha assunto dal primo settembre le sue funzioni.

“Ho avuto il piacere di conoscere il prefetto Falco – spiega – e sono certa che sarà in grado di svolgere al meglio il suo delicato compito al servizio di Piacenza, per offrire le risposte attese dai nostri concittadini e dagli amministratori locali”. 

“La sua lunga esperienza di lavoro all’interno dipartimento immigrazione e libertà civili del Ministero dell’Interno – aggiunge – costituisce un’importante credenziale per affrontare temi, quali quelli della sicurezza e dell’accoglienza, che sono di grande attualità e sotto i riflettori dell’opinione pubblica.
 
Al neo prefetto e alla sua famiglia voglio rivolgere il mio benvenuto e formulare gli auguri di buon lavoro”.
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.