Quantcast

Pavidea, primo test con Canovi Sassuolo della stella Aguero

Prima amichevole dell'anno per la Pavidea edizione 2017/18 ed è subito un test probante contro la Canovi di Sassuolo, che disputerà il campionato di B1

Più informazioni su

CANOVI SASSUOLO – PAVIDEA FIORENZUOLA 3-1 ( 25-19 25-19 25-23 24-26 )

Sassuolo : Falcone, Bici, Crisanti 9, Squarcini, Gjoni 10, Credi 11, Boninsegna, Lancellotti, Dbossa 8, Aguero 11, Galletti 2, Maruotti 8. All. Barbolini

Fiorenzuola : Donida 13, Tonini 4, Cattaneo, Ferrigno 2, Nicoli 2, Reverberi 11, Tosi 12, Ermoli 3, Coti Zelati (L), Morelli 9, Dalpedri 4, Gandolfi (LL). All. Marini

Prima amichevole dell’anno per la Pavidea edizione 2017/18 ed è subito un test probante contro la Canovi di Sassuolo, che disputerà il campionato di B1, squadra costruita per centrare la promozione in A2, con un roster mirabolante, stella indiscussa Taismary Aguero italo-cubana vincitrice di 2 ori olimpici con la nazionale cubana nel 1996 e 2000, 2 Campionati Mondiali nel 1994 e 1998 e di 2 Campionati Europei con la nazionale azzurra nel 2007 e 2009.

Marini accusa la defezione di Marina Cattaneo alle prese con un fastidioso dolore alla spalla e schiera Nicoli in regia con Tonini opposta, Reverberi e Morelli centrali, Tosi e Donida in banda. Libero Marika Coti Zelati.

Nel primo set le biancorosse accusano un po’ di timore reverenziale e partono contratte, soprattutto in ricezione. Scappa la Canovi e il break risulterà decisivo perchè Donida e compagne non riescono a ricucire lo strappo iniziale. 25-19 il risultato finale.

Nella seconda frazione le ragazze di Marini provano a ribattere punto su punto alle più quotate avversarie, ma un paio di giocate da fuoriclasse di Aguero e Credi nel finale di set portano avanti Sassuolo che si aggiudica il set ancora 25-19.

Nel terzo set esce una malconcia Tonini, entra Ermoli al suo posto. La Pavidea parte forte e Sassuolo nonostante Aguero sugli scudi non riesce ad arginare Donida e compagne. Le biancorosse si issano fino a 20-14 ma nel finale sbagliano qualcosina di troppo permettendo il rientro delle modenesi.

Nonostante un bel muro di Ermoli ad Aguero (potrà raccontarlo alle nipotine), Fiorenzuola cede nel finale complice anche un clamoroso errore arbitrale su una fast di Reverberi giudicata out (nettamente dentro) che avrebbe portato le biancorosse al set ball. Vince ancora Sassuolo 25-23.

Nel quarto set (giocato comunque per accordi precedenti tra i 2 tecnici) Marini ridisegna la sua squadra inserendo in regia Ferrigno, Dalpedri opposta spostando Ermoli in banda e Gandolfi che prende il posto di Coti Zelati. Tra le padrone di casa esce Aguero ma Barbolini lascia in campo le altre titolari.
Set divertente, combattuto, con scambi lunghi e difese spettacolari che divertono il pubblico. Dalpedri entra col piglio giusto e stampa un paio di muri perentori, Ferrigno varia bene il gioco e Reverberi dal centro non perdona. Finale punto a punto e Pavidea che chiude al primo set point grazie a un ace di Alice Morelli. Una bella soddisfazione per le biancorosse, meritata per l’impegno e l’applicazione messe in campo.

Tante ancora le cose da migliorare e sulle quali Marini e il suo vice Piccoli dovranno lavorare per poter presentare al meglio la squadra il 14 Ottobre (data d’inizio del Campionato ndr) ma le prime indicazioni sono state positive, con servizio e muro che hanno funzionato bene. 
E alla fine da segnalare la disponibilità della campionissima Taismary Aguero che concede foto e selfie a tutti elargendo sorrisi e complimenti che, fatti da lei, valgono quasi 3 punti…

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.