Quantcast

Pro, squadra solida e giovane. Ma a Pea mancano i rincalzi

Una prestazione ancora una volta convincente quella della squadra di Pea che si conferma pienamente competitiva

Più informazioni su

Secondo pareggio consecutivo per 1-1 per il Pro Piacenza.

Dopo l’Alessandria è la volta della Pistoiese che riesce a rimontare i rossoneri nella ripresa, dopo il vantaggio con la prima rete in assoluto di Mauro Belotti.

Una prestazione ancora una volta convincente quella della squadra di Pea, che si conferma pienamente competitiva in tutti i reparti ed in grado di fare punti contro qualsiasi avversario.

I TOP – Formazione quadrata e con grande equilibrio tattico. E’ questa la qualità fondamentale palesata dall’undici del Pro nonostante i tanti esordienti ed i giovani in rosa.

La Pistoiese veniva da due vittorie consecutive e si presentava in campo con un atteggiamento tattico molto spregiudicato con due punte ed almeno altrettanti centrocampisti molto offensivi; tuttavia gli ospiti hanno saputo sin da subito resistere alle folate dei toscani, sfiorando anche il colpo dello 0-2 che avrebbe probabilmente segnato un epilogo diverso della partita.

Tra i singoli è piaciuto molto il temperamento di Jonathan Aspas, capace di fronteggiare in mediana due clienti scomodi e mobili come Luperini e Hamlili, mentre non va scordata la solita prestazione gagliarda di Belotti in retroguardia.

I FLOP – Ancora una rete ed una rimonta subita nella ripresa, segno evidente che nei secondi 45 minuti di gioco la squadra subisce un calo e va in difficoltà sulla spinta offensiva degli avversari.

In panchina sembrano mancare alternative adeguate sia in attacco che a centrocampo, mentre in difesa i forfait di Calandra, Abbate ed ora Ricci riducono al minimo le alternative di ricambio.

In avanti si finalizza ancora poco in rapporto al gioco creato ed alle occasioni costruite: Mastroianni ed Alessandro partecipano molto al gioco offensivo ma si ha la sensazione che manchi lucidità sotto porta, come dimostrato dal fatto che le due punte sono ancora a secco su azione e la maggior parte delle reti arrivi dal centrocampo (La Vigna, Starita e Barba) e dalla difesa (Belotti).

Un peccato per una squadra che meriterebbe forse di più rispetto ai cinque punti sin qui maturati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.