Quantcast

Un cittadino chiama il 112: a Cortemaggiore spuntano un etto di coca e munizioni foto

Arrestato un 53enne a Cortemaggiore (Piacenza), i carabinieri gli trovano in casa oltre 100 grammi di cocaina e più di 100 munizioni. Blitz in centro dopo la chiamata di un cittadino

Più informazioni su

Allarme a Cortemaggiore (Piacenza) per soggetti sospetti, i carabinieri trovano oltre 100 grammi di cocaina e più di 100 munizioni.

L’intervento scattato nel tardo pomeriggio del 22 settembre si è concluso con l‘arresto di un 53enne piacentino, pregiudicato, accusato di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e detenzione abusivo di munizioni. 

Un’operazione partita dalla telefonata al 112 di un cittadino, particolarmente preoccupato per la presenza di tre uomini dal fare sospetto, e forse armati, nella zona del centro storico del paese.

Una chiamata che non è stata sottovalutata dagli uomini dell’Arma che si sono subito portati sul posto, con i militari di Cortemaggiore, Caorso e Fiorenzuola, seguiti dal nucleo investigativo di Piacenza.

All’arrivo delle pattuglie le tre persone, due a piedi e una in bicicletta, si sono subito divise e i primi sono stati immediatamente bloccati.

Si tratta di un piacentino e di un uomo originario dell’Egitto. Addosso non avevano armi ne droga, ma dagli accertamenti è emerso che avrebbero acquistato una dose di cocaina dal terzo soggetto che si era allontanato sulla due ruote, un 53enne residente a Cortemaggiore, già noto per stupefacenti.

Le forze dell’ordine hanno rintracciato la sua abitazione e, una volta entrati, sul tavolo della cucina hanno trovato 110 grammi di cocaina in sasso, un bilancino di precisione, cellophane e attrezzatura per fumare la droga.

La perquisizione si è estesa anche ad una cascina di San Pietro in Cerro nella disponibilità dell’uomo, dove hanno rinvenuto una carabina ad aria compressa e diverse scatole di munizioni (oltre 100) di tre calibro differenti.

Tutto il materiale è stato sequestrato dagli uomini del nucleo investigativo, che, coordinati dal pubblico ministero Matteo Centini, hanno tratto in arresto il 53enne.

Sarà processato per direttissima nei prossimi giorni. Gli altri due sono stati invece segnalati alla Prefettura come assuntori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.