PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Al San Matteo mercoledì 15 va in scena “Modern Family 1.0”

"Uno spettacolo comico che racconta la storia di una donna che ama le donne, ma che ama anche l’idea di avere un figlio con la propria compagna. Anzi, con lei non solo vuole un figlio ma vuole proprio una famiglia"

Mercoledì 15 novembre alle 21, al Teatro San Matteo di Piacenza, va in scena “Modern Family 1.0” – Le Brugole – a cura di Associazione Culturale Crisalidi, in collaborazione con Associazione PKD e Teatro Trieste Trentaquattro.

“Una settimana fa ci ha chiamate un amico, Paolo Mazzocchi. Abbiamo parlato dell’uscita del Comune di Piacenza dalla rete RE.A.DY., e delle discussioni che sono seguite in città. Paolo ci ha chiamate già con una idea in mente: si è chiesto se poteva fare qualcosa, e la sua risposta è stata “Facciamo uno spettacolo? Mi date una mano?”

Così Anna Arzani, Daria Calza e Valentina Pacella di Associazione Crisalidi spiegano come è nata l’idea di portare a Piacenza Modern Family 1.0, lo spettacolo firmato da Le Brugole, ovvero Giovanna Donini – autrice per Zelig, Smemoranda e Teresa Mannino – Annagaia Marchioro e Virginia Zini, queste ultime due anche interpreti, che verrà portato in scena a Piacenza.

Modern Familiy 1.0 è uno spettacolo che parla di famiglie. Famiglie di tanti tipi, non sempre felici, ma il più delle volte sì. Le due attrici sono partite dalle proprie famiglie di origine.

Una veneta e quindi: pratica, autonoma e latifondista. L’altra Milanese: frammentata, multitasking e all’avanguardia. Eppure anche surreali, imprevedibili e moderne. Modern family 1.0 inizia come una serata in famiglia a guardare le diapositive di famiglia con tutta la famiglia presente, ritrovo ormai in disuso quanto l’uso delle diapositive. E quasi senza accorgersene si entra nel vivo, in casa delle due protagoniste.

Modern family 1.0 è uno spettacolo comico che racconta la storia di una donna che ama le donne, ma che ama anche l’idea di avere un figlio con la propria compagna. Anzi, con lei non solo vuole un figlio ma vuole proprio una famiglia, che significa anche nonni, zii, cani, gatti, piante, mutui, viaggi, liti, tradimenti, amore e lotta, colloqui con i prof, vaccinazioni, biciclette e rotelle, lezioni di guida, notti insonni e vita quotidiana. Uno spettacolo che vuole raccontare le coppie di oggi e di ieri, per capire quanto l’ideale della famiglia corrisponda al reale. E per raccontare della bellezza, della fatica, dell’universale diversità che accompagna la storia di ognuno di noi. Lasciando che sia la realtà, senza finzione, senza retorica, e soprattutto senza giudizio a raccontarsi al pubblico.
 
“Quando Paolo ci ha proposto di organizzare questo spettacolo, ci siamo messe subito al lavoro” – continuano le Crisalidi – “perchè pensiamo che prendersi un’ora per ascoltare e vedere uno spettacolo che parla con ironia e grazia di questo tema, sia un buon modo per togliere gli occhi dalla tastiera, dal proprio telefono, da dialoghi sui social che lasciano l’amaro in bocca, a leggerli, per come spesso degenerano. Per come restano congelati, lì, senza che possano trovare un pò di respiro, come forse potrebbe avvenire guardandosi negli occhi.”
 
Per questo invitano tutti, “ma proprio tutti”, a vedere Modern family 1.0, soprattutto chi prova magari un certo fastidio a leggere di questi temi. Il loro desiderio sarebbe quello di far sì che ogni spettatore inviti e porti con sé quell’amico con cui di solito si finisce sempre per discutere su questi argomenti, “per vedere se dopo si può parlarne in modo diverso.”
 
Lo spettacolo è organizzato in collaborazione con Associazione Pkd e Teatro Trieste 34. Prenotazione obbligatoria a a.c.crisalidi@gmail.com | 339.6634890 – 339.3429652 (dopo le 19) | Ingresso 12 euro.

Estratti di rassegna stampa:

“Modern Family 1.0 rifugge il rischio retorico della tirata politica attingendo alle esperienze personali, alle vite concrete di alcune delle famiglie che già ci sono e sono felici nonostante la politica finga che non esistono. Tocca temi pressanti nel dibattito dell’oggi con grazia, chiamando ciascuno a essere coinvolto nella realtà che abitiamo, facendo leva sui fratti comuni e scherzando sulle differenze. Ne esce uno spettacolo che ben miscela stili e suggestioni, dove coesistono risate a crepapelle e commozione.”
Chiara Palumbo, artapartofculture.net

“La società tende a progredire, e facendolo si trasforma: è una cosa che sappiamo fin dalla scuola superiore, e su questo si sono sviluppate tante riflessioni da poterci riempire tonnellate di fogli di carta, ore ed ore di talk show, e chissà quanti alti mezzi di comunicazione. Quando guardiamo “Modern Family 1.0” ci troviamo in sostanza di fronte a questa realtà: l’Italia sta cambiando, e con essa anche l’idea di famiglia che si respira nel nostro paese.”
Manuele Oliveri, milanoteatri.it
 
“Vista da vicino nessuna famiglia ò normale: forse potrebbe essere proprio questo – ricalcando e aggiornando la celeberrima considerazione di Franco Basaglia – il sottotitolo di Modern Family 1.0, lo spettacolo di Giovanna Donini, Annagaia Marchioro e Virginia Zini. Nello spettacolo si sorride e si ride tanto. E secondo la moderna scienza pedagogica – ma anche – secondo gli antichi del docere delectando – quando si ride si impara di più e meglio.
Antonella Valoroso, 27esimaora.corriere.it
 
“Virginia ama Annagaia e sogna di avere un bambino con lei, che invece fa resistenza. Da qui, tra sketch e battute al vetriolo, parte “Modern familiy 1.0”, iI nuovo spettacolo teatrale delle Brugole & Co. E’ con grande ironia, che le due protagoniste raccontano non solo la storia di donne che amano le donne, ma anche la difficoltà di essere aspiranti genitori omosessuali. E tra battute al vetriolo e divertenti sketch, gli spettatori scopriranno che tra famiglie tradizionali e famiglie arcobaleno, in fondo, non c’è tanta differenza e che il sogno di avere un figlio appartiene a tutti, etero e gay.”
Francesca Serva, signoresidiventa.com

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.