PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Eccellenze agroalimentari di Confapi incontrano una delegazione svedese

"Livello di innovazione, ambiente pro business, elevata produttività e qualità della vita - spiega Confapi - contribuiscono senza alcun dubbio a rendere la Svezia uno dei mercati più attrattivi e remunerativi a livello mondiale."

Nei giorni scorsi a Codogno, presso l’ex ospedale Soave, realtà piacentine associate a Confapi Industria Piacenza hanno partecipato ad incontri d’affari con qualificati importatori svedesi del settore agroalimentare, appositamente selezionati sulla base delle caratteristiche e delle esigenze delle imprese appartenenti al comparto.

Gli incontri con i buyer svedesi sono stati organizzati dal Consorzio Lodi Export con il quale Confapi Industria Piacenza ha in essere, da oltre un anno, una collaborazione finalizzata ad offrire alle aziende associate sempre maggiori opportunità in ambito di internazionalizzazione, quali progettualità di comune interesse, attività di informazione e sensibilizzazione delle aziende sul tema dell’export, organizzazione di azioni condivise su mercati strategici, fiere e incontri d’affari con importatori e distributori esteri, nonché la partecipazione congiunta a bandi di supporto all’internazionalizzazione d’impresa.

“Rientrano, infatti, tra le attività promosse congiuntamente gli incontri B2B dei giorni scorsi – spiega il direttore di Confapindustria Piacenza Andrea Paparo – che hanno offerto l’opportunità agli imprenditori Graziano Balduzzi di Bardini Cioccolaterie, Camillo Conti di ACP International Food srl, Stefano Fellegara della Società Agricola Pievetta, Daniela Fiorani de Il Sole e Alessandro Traverso del Super Ottone Market di presentarsi ai tre buyer svedesi provenienti da Stoccolma, Göteborg e Karlstad”.

“La scelta del mercato svedese – illustra Paparo – è dipesa principalmente dal forte potenziale di crescita dell’export italiano verso questo Paese, grazie, in particolare, all’incremento delle disponibilità delle famiglie svedesi per i consumi e all’indiscusso riconoscimento delle nostre eccellenze in ambito agroalimentare. Livello di innovazione, ambiente pro business, elevata produttività e qualità della vita contribuiscono senza alcun dubbio a rendere la Svezia uno dei mercati più attrattivi e remunerativi a livello mondiale.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.