PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Eventi pubblici “Più integrazione tra cittadini e polizia” foto

Conferenza alla scuola allievi agenti di polizia sulla sicurezza nelle manifestazioni pubbliche. Ospiti il dirgente Armando Forgione "Partecipare significa percepire sicurezza". Tra i relatori anche il sindaco di Modena e il direttore del quotidiano "La Stampa" 

Maggiore tranquillità e serenità per i cittadini durante le manifestazioni pubbliche; questi i termini chiave messi in evidenza dal dirigente generale della polizia di stato Armando Forgione, oggi a Piacenza come relatore dell’incontro promosso dalla Questura alla scuola allievi agenti di polizia in viale Malta.

Al centro della conferenza, affollata da esponenti delle forze dell’ordine, autorità e amministratori locali, le nuove direttive emesse a giugno 2017 in merito all’organizzazione e gestione di eventi aperti alla popolazione.

Un tema che ha portato al tavolo dei relatori anche Maurizio Molinari, direttore de “La Stampa“, quotidiano che ha seguito in diretta i tragici fatti avvenuti a Torino durante la finale di Champions League e  Gian Carlo Muzzarelli, sindaco di Modena, città che ha ospitato con successo il maxi concerto di Vasco Rossi.

“Con questa circolare abbiamo permesso a chi governa il territorio di avere una linea guida da seguire – racconta il dirigente. “In passato ci si preoccupava soprattutto di evitare che le folle potessero accalcarsi o creare problemi di afflusso o deflusso, oggi sono state aggiunte tante altre cose. Inizialmente può essere sembrato l’aggravio di un percorso, invece io ritengo e, i fatti lo dimostrano, che questo percorso sia stato agevolato. Non è più solo un problema di ordine pubblico, ma di sicurezza, quella che abbiamo distinto in security e safety, divisione che ha avuto ragione d’essere, in quanto in entrambe le circostanze ha dato un valore aggiunto alla manifestazione. Essere presenti a un evento significa avvertire una percezione di sicurezza, sentirsi tranquilli e sereni”. 

Una dimensione a cui può contribuire anche l’universo dei media: “Il ruolo dell’informazione è quello di coinvolgere i cittadini, e l’informazione on line è decisiva, perchè crea con loro una conversazione” sottolinea Molinari. 

“Questa è la sfida oggi per i giornalisti, la capacità di rendere questa conversazione costante, saper interpretare le informazioni che vengono date, filtrarle e trasformale in patrimonio collettivo. I giornali sono ormai delle comunità intellettuali, in cui ci sono i giornalisti, le loro famiglie e i lettori. Più è forte e intensa la conversazione, maggiore è il successo.” Sul segno lasciato a Torino dalla tragica notte della finale di Champions, commenta: “E’ emersa la necessità di maggiore integrazione tra forze di polizia e cittadinanza. C’è un elemento di preoccupazione nel fatto che l’inchiesta della Procura di Torino ancora non abbia appurato esattamente qual è stata la causa dell’incidente. Non c’è dubbio che la considerazione ha riguardato il panico collettivo, ma Il fatto di non essere riusciti a isolare il momento iniziale, desta preoccupazione. Le indagini però non sono ancora terminate e noi aspettiamo l’esito”. 

Un riferimento, o meglio “un metodo di lavoro” di successo è possibile, come ha dimostrato il grande concerto di Vasco: “Il segreto è stato soprattutto fare squadra e la forza di una comunità, che si è messa in gioco rendendo possibile una cosa quasi impossibile, come ospitare 225mila persone – racconta il sindaco Muzzarelli.

“E’ stato un esempio di collaborazione tra vari livelli: lo Stato, le istituzioni locali, il territorio e i volontari, che insieme hanno costruito un percorso nero su bianco con regole puntuali e poi il rapporto costante con i cittadini, attraverso decine e decine di assemblee, senza trascurare niente. Alla fine tutto questo è diventato unmetodo di lavoro. L’obiettivo non era solo valorizzare un modenese, ma poter dare un messaggio, ovvero poter fare festa per la libertà contro la paura.

Come precisato dal questore Salvatore Arena nella presentazione dell’iniziativa, lo scopo è di aprire le porte alla cittadinanza e alla collaborazione. “Fare informazione e creare appuntamenti per farci conoscere meglio è estremamente importante” 

Intervista-video al dirigente generale della polizia di stato Armando Forgione

Intervista-video a  Maurizio Molinari, direttore del quotidiano “La Stampa” 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.