PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I sindacati: “Sindaco Barbieri si esprima sul futuro di Spazio 2 e 4”

"Auspichiamo - affermano i sindacati - che l’Amministrazione valuti attentamente le scelte che riguardano queste tematiche, puntando ad un’attività sempre più qualificata e coerente ai bisogni dei giovani della città e confermando queste importanti esperienze.

Più informazioni su

I sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil di Piacenza chiedono al sindaco Patrizia Barbieri di pronunciarsi pubblicamente sul futuro dei centri di aggregazione giovanili Spazio 2 e Spazio 4.

Ecco quanto riporta una nota stampa unitaria.

Nessun cenno del sindaco Patrizia Barbieri viene fatto circa il futuro dei centri giovanili comunali Spazio 2-Spazio 4, dopo che altri esponenti dell’Amministrazione hanno, con parole che appaiono sibilline, sostenuto di voler valutare nuove azioni per una nuova progettualità più rispondente alle istanze del mondo giovanile, parole che suonano più come una bocciatura delle esperienze fin qui condotte che una garanzia per il futuro.
 
Riteniamo invece che questi spazi vadano ulteriormente valorizzati come luoghi fondamentali per la prevenzione del disagio e la promozione del protagonismo giovanile, con il rilancio della positiva vocazione di Spazio 2 sui temi del lavoro, della formazione e dell’autoimprenditorialità. La continuità degli eventi culturali di Spazio 4, viste anche le scadenze previste a breve per la  gestione, va inoltre mantenuta essendo un centro di aggregazione sociale che opera in una zona della città a forte rischio di esclusione sociale, capace di produrre in questi anni eventi culturali ed educativi fortemente partecipati.
 
Sarebbe un segnale davvero pessimo da parte dall’Amministrazione quello di ridurre, o addirittura cancellare, le attività e le iniziative che si producono in questi luoghi, un grave passo indietro culturale che si sommerebbe ad altri già visti recentemente.
 
E’ stato comunque un atto fortemente negativo l’approvazione di un ordine del giorno accompagnato da un linguaggio irricevibile e indegno, parole “pollai per ingrassare giovani che farebbero meglio ad andare a correre al parco della Galleana” che, da sole, avrebbero meritato il ritiro immediato della richiesta del consigliere Levoni.

Sono considerazioni queste che, oltre a dirla lunga sulla conoscenza di quello che succede di preciso in quei luoghi e sull’immagine che ha del mondo giovanile il consigliere, offendono profondamente le persone che in questi spazi lavorano e operano con professionalità supportando il servizio pubblico in attività fondamentali e che rischiano, oltretutto, ricadute pesanti anche dal punto di vista occupazionale.
 
Parliamo di giovani formati da percorsi accademici come educatori, formatori, impiegati che si occupano di attività  di aggregazione, culturali e di formazione con un focus rivolto alle “nuove” professioni, attraverso una proposta puntualmente aggiornata alle richieste del mercato del lavoro di oggi. I corsi o le attività di formazione vengono svolti da esperti/professionisti della materia, spesso a titolo gratuito o a prezzi comunque abbordabili da parte di un’utenza di riferimento composta per lo più da giovani alla ricerca di lavoro.
 
Auspichiamo quindi che l’Amministrazione valuti attentamente le scelte che riguardano queste tematiche, puntando ad un’attività sempre più qualificata e coerente ai bisogni dei giovani della città e confermando queste importanti esperienze.
 
Segreterie Provinciali

(G.Zilocchi – M. Molinari – F.Bighi)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.