PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In mostra il “blitz artistico” sul sagrato del Duomo contro “L’ultima cena” di Sartini

Presentazione sabato 14 ottobre 2017 ore 17. L'evento prosegue fino al 21 ottobre 2017, orari 10-12 e 16-18

In mostra foto e video deI “blitz artistico” contro “l’ultima cena” di Sartini. 

In occasione della tredicesima giornata del contemporaneo Studio Baldini art gallery presenta “Prima colazione”, documentazione foto-video della performance “Dall’ultima cena di Ulisse Sartini alla prima colazione nostra” realizzata dal Laboratorio di Alberto Esse/Luogomobile e Studio Baldini art gallery.

Presentazione sabato 14 ottobre 2017 ore 17. L’evento prosegue fino al 21 ottobre 2017, orari 10-12 e 16-18.

Il comunicato stampa – Domenica 1 ottobre alle ore 9, sul sagrato del Duomo di Piacenza, Laboratorio di Alberto Esse /Luogomobile e Studio Baldini hanno realizzato la performance/installazione “Dall’Ultima cena alla prima colazione” un intervento di Public Art in difesa della dignità dei monumenti storici e di critica alla collocazione nell’altare di destra del Duomo di una ingombrante e incongruente “Ultima Cena” di un anacronistico pittore contemporaneo (anagraficamente).

“Non dobbiamo avere per forza nostalgia della qualità comunicativa “semplice”, “comprensibile” dell’arte figurativa, delle immagini realistiche “che sembrano vere”. Questa “semplicità”, questa “comprensione”, a pensarci bene, sono le stesse della televisione di oggi e di certi programmi” – Mons. Ersilio Tonini.

E’ un vero “scandalo” (“Guai al mondo per gli scandali” – San Matteo) l’esposizione in modo definitivo della Ultima Cena di un pittore vetero/figurativo in una sede artisticamente qualificata come il Duomo di Piacenza. E’ un’ offesa agli autentici capolavori presenti in questo monumento e alla sua grandezza architettonica. E’ un’ offesa al Guercino, alla sua arte ed a chi viene ad ammirare i capolavori della cupola del Duomo.

Qualsiasi persona che capisca minimamente di arte non può non accorgersi di come la cosiddetta Ultima Cena di Sartini sia uno di quei prodotti anacronistici dal punto di vista espressivo che mons. Tonini mette sullo stesso piano di certa televisione e cultura spazzatura.

In questo quadro è stata usata, anche con molta rigidità di risultati formali, una tecnica pittorica di almeno quattrocento anni fa, ponendosi completamente nel solco di quella pittura che nulla ha a che fare con una autentica arte, perché priva di originalità e men che meno è contemporanea. Penalizzando così anche quei valori religiosi che il tema del quadro vorrebbe richiamare, ma che invece sono semplicemente strumentalizzati.

Il Duomo di Piacenza è oltre che luogo di fede è patrimonio artistico culturale di tutta la città e non solo, perciò come tale deve essere assolutamente tutelato e difeso (eventualmente anche dalla Sovrintendenza) da qualsiasi intervento che intacchi i suoi notevoli valori artistici storici ed architettonici.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.