PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo elenco malattie rare, Callori:”Rivedere chiusura dei presidi ospedalieri piacentini”

"Assoluta è la necessità di avere a disposizione strutture e ambulatori che siano in grado di accogliere e dare risposte agli utenti e questo non è certo in linea con quanto indicato dalla Regione, sempre più avviata a depotenziamenti nel settore della sanità."

Riceviamo e pubblichiamo la nota sulle malattie rare inviata da Fabio Callori, consigliere nazionale Anci, ad Anci regionale Emilia Romagna.

La nota – Da poche settimane, in Emilia Romagna, è entrato in vigore il nuovo Elenco delle malattie ritenute rare. All’elenco già in vigore delle 331 “malattie rare” vanno a sommarsi ulteriori 132 patologie riconosciute tali, per le quali i cittadini che ne sono affetti saranno esentati totalmente dal pagamento del ticket per visite ed esami. 

Sono stati individuati inoltre anche i centri ospedalieri per la diagnosi e la presa in carico delle nuove patologie inserite dal Governo nei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (LEA).

Importante traguardo che permette un po’ di respiro alle persone affette da patologie definite  rare e a chi li assiste.

Ora però occorre, senza indugio, mettere in pratica e concludere in tempi rapidi quanto annunciato. Bisogna che alle parole seguano i fatti con l’operatività immediata di quanto indicato.

Assoluta è la necessità di avere a disposizione strutture e ambulatori che siano in grado di accogliere e dare risposte agli utenti e questo non è certo in linea con quanto indicato dalla Regione, sempre più avviata a depotenziamenti nel settore della sanità. Occorre invece rivedere le posizioni dei vertici regionali in relazione a tagli e addirittura alle chiusure di presidi ospedalieri anche nella nostra provincia.

Chiedo quindi, in qualità di Consigliere  Nazionale  Anci, che l’Associazione stessa si faccia portavoce presso l’Assessorato Regionale, competente al fine di concretizzare e definire immediatamente quanto annunciato nel rispetto dell’utenza affetta da rare patologie e di chi li assiste.
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.