PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Troupe di Italia Uno a ‘La Ricerca’

Presentata nella sua particolarità, l'associazione "la Ricerca" è stata visitata in questi giorni da una troupe televisiva di Mediaset per un servizio giornalistico che è andato in onda su "Italia Uno" nel pomeriggio di giovedì 12 ottobre a "Studio Aperto" nel notiziario delle 18. 

Più informazioni su

“C’è un’Italia sofferente che in quest’angolo d’Emilia  ha ritrovato il senso della propria vita.  Da Torino a Palermo, Genova, Milano, Trieste, Bologna, Roma: sono migliaia le famiglie che in trentacinque anni sono passate a Piacenza, per chiedere aiuto all’associazione “la Ricerca”, una delle pioniere in Italia della lotta alla droga e oggi anche molto molto di più…”.

Presentata nella sua particolarità, l’associazione “la Ricerca” è stata visitata in questi giorni da una troupe televisiva di Mediaset per un servizio giornalistico che è andato in onda su “Italia Uno” nel pomeriggio di giovedì 12 ottobre a “Studio Aperto” nel notiziario delle 18.

Un rapido giro per segnalare al pubblico televisivo qualche flash di una realtà molto speciale che si pone in ascolto e a sostegno delle persone nell’intero ciclo della loro vita: nata nei primi anni Ottanta tra le pioniere in Italia della lotta alla droga, oggi è divenuta molto molto di più: è diventata una sorta di grande famiglia delle famiglie.

Punto di forza: un ascolto e un sostegno nel tempo fatto di Auto-mutuo-aiuto (condivisione e del sostegno reciproco fra persone che stanno vivendo situazioni di difficoltà simili):  genitori, figli, nonni, insegnanti, liberi professionisti, operai, medici, intellettuali hanno compiuto i percorsi di auto-mutuo-aiuto proposti da “la Ricerca” trovandosi ad avere bisogno di un sostegno in situazioni drammatiche: quindi non solo familiari di tossicodipendenti, ma anche a genitori di adolescenti e pre-adolescenti, coppie in difficoltà, genitori separati, persone che hanno subito una perdita, un lutto, persone – i cosiddetti  “caregivers” – che ad un certo punto della loro vita si trovano a doversi prendere cura da sole di un proprio familiare non più autosufficiente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.