PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Una nuova scuola a Borgotrebbia, la giunta si impegna. Mozione di Monti (Liberi)

La giunta comunale di Piacenza si adopererà per la costruzione di una nuova scuola in città, un innovativo Polo per l'infanzia secondo una delle modalità previste dalle direttive regionali

Più informazioni su

La giunta comunale di Piacenza si adopererà per la costruzione di una nuova scuola in città, un innovativo Polo per l’infanzia secondo una delle modalità previste dalle direttive regionali.

La nuova struttura dovrebbe sorgere a Borgotrebbia, da realizzare nel campo di 17mila metri quadrati di fianco al parco giochi e davanti al parcheggio. A spiegare la volontà di perseguire il progetto, l’assessore comunale Erika Opizzi, intervenuta in consiglio comunale lunedì 30 ottobre, in risposta alla mozione presentata dal consigliere di “Liberi” Mauro Monti e approvata all’unanimità nel corso della seduta.

Sulla base della ripartizione su base regionale dei fondi messi a disposizione dalla legge “Buona scuola”, l’Emilia Romagna potrà avvalersi infatti di uno stanziamento di 11milioni e 524.656,68 euro.

La Regione Emilia Romagna, attraverso la Conferenza Regionale per il Sistema Formativo del 2 ottobre 2017, ha invitato le Province ad attivare i Comuni del proprio territorio affinché propongano manifestazioni di interesse per accedere ai finanziamenti volti alla realizzazione di un Polo per l’infanzia innovativo. Tali finanziamenti sono previsti con un tetto minimo progettuale di 2,5 milioni di euro e un massimo di 6 milioni di euro;

Nella mozione, il consigliere Monti ha chiesto alla giunta comunale di attivarsi per elaborare una proposta di accesso ai finanziamenti utili a realizzare in Piacenza un innovativo Polo per l’infanzia secondo una delle modalità previste dalle direttive regionali: costruzione nuova di un Polo per l’infanzia oppure costruzione di una nuova struttura 0/3 anni a completamento di una esistente 3/6 oppure costruzione di una struttura 3/6 a completamento di una esistente 0/3.

Nel corso della discussione é uscita con forza anche l’esigenza di attivare finalmente gli Istituti Comprensivi, rivedendo radicalmente l’attuale impostazione che tiene separate scuole elementari e medie.

“Si tratta di un provvedimento atteso da vent’anni – ha sottolineato nel suo intervento Monti -, posto che i comprensivi sono una modalità di organizzazione delle scuole che é diffusa ormai all’85% delle scuole italiane.

L’impegno per la costruzione di nuove scuole, insieme alla revisione degli stradari e al passaggio ai comprensivi é funzionale anche ad intervenire su una situazione in cui ci sono scuole che hanno quasi l’80 % di stranieri e altre che ne hanno meno del 10%.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.