PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Venerdì al Garilli anticipo di lusso per il Piace contro il Pisa “blindato”

Il Piacenza ospita infatti il Pisa, una delle formazioni più accreditate per il salto di categoria ma vittima di un inizio di stagione leggermente sotto le attese

Più informazioni su

E’ un anticipo di lusso quello previsto al Garilli (venerdi, 20,45) per l’undicesima giornata di Serie C.

Il Piacenza ospita infatti il Pisa, una delle formazioni più accreditate per il salto di categoria ma vittima di un inizio di stagione leggermente sotto le attese, con palesi difficoltà offensive e qualche pareggio di troppo che ha relegato i neroazzurri al quarto posto in classifica a 5 punti di distanza dalla capolista Siena.

Appena nove le reti realizzate dai pisani in 10 giornate (solo Alessandria, Gavorrano e Cuneo hanno fatto peggio nel girone) ma al contempo solo tre marcature subite che ne fanno la miglior retroguardia delle 57 squadre di Lega Pro.

Numeri evidentemente non sufficienti a garantire la panchina a Carmine Gautieri, che ha pagato con l’esonero il deludente pareggio interno con il Gavorrano e la seguente sconfitta in Coppa con il Pontedera.

All’Arena Garibaldi non hanno voluto correre rischi al fine di evitare di perdere contatto dal duo di testa Robur-Livorno, affidando ad interim la panchina al tecnico della giovanili Michele Pazienza che ha esordito con il botto espugnando nettamente il campo dell’Alessandria; su di lui aleggia lo spettro di Padalino e Toscano come futuri allenatori, ma la società ha per ora confermato la fiducia all’ex centrocampista di Udinese e Napoli almeno sino alla trasferta in Emilia e in attesa di capire che andamento avrà la squadra.

Dopo la retrocessione in Serie C la società di Domenico Corrado ha operato in ingresso con gli arrivi del portiere Petkovic dal Carpi, i difensori Carillo dalla Paganese e Filippini dall’Entella, i centrocampisti Maltese dalla Reggiana, De Vitis dal Modena, Gucher dal Vicenza e Di Qunizio dal Como, gli attaccanti Negro dal Matera e Giannone dalla Ternana. In aggiunta sono rimasti il difensore Lisuzzo, il capitano-centrocampista Mannini (ex Sampdoria e Napoli) e gli attaccanti Eusepi e Masucci.

Solo uno stop alla prima giornata per i neroazzurri, fermati sullo 0-1 ad Olbia, poi tre pareggi a reti bianche con Siena, Monza e Gavorrano e cinque affermazioni con Cuneo, Viterbese, Prato Arzachena ed Alessandria. Una sola rete subita nelle ultime uscite, quella nel pareggio di Lucca.

Pazienza ha apportato modifiche nello schieramento iniziale passando dal 4-3-3 al 4-4-2 con un centrocampo più folto: in avanti spazio alla coppia Masucci-Eusepi, centrocampo a quattro con Mannini e Di Quinzio larghi, Gucher e De Vitis centrali, confermata la difesa con Birindelli-Lisuzzo-Carillo-Filippini davanti al portiere Petkovic.

Sacrificati in questo nuovo schema sono il centrocampista Maltese e l’esterno offensivo Giannone.

Giancarlo Tagliaferri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.