PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Zanardi (Liberi) ‘Parcometri, prevedere il pagamento tramite bancomat e carta di credito’

La proposta contenuta in un'interrogazione che richiama le ultime normative in materia. 

Parcometri a Piacenza, prevedere l’opzione di pagamento della tariffa tramite bancomat o carta di credito

. Questo il contenuto dell’interrogazione della consigliera Gloria Zanardi (Liberi). “In altre realtà – scrive la consigliera – il mancato adeguamento è stato addebitato alla mancata emanazione del decreto attuativo ex comma 900 Legge Stabilità da parte del Ministero Economia e Finanza”. 

Ecco il testo integrale dell’interrogazione della consigliera. 
 

• Il comma 901 dell’articolo 1 della Legge di Stabilità 2016 (n. 208/2015) stabiliva che, entro il primo luglio dell’anno 2016, tutti i comuni avrebbero dovuto abilitare i parcometri installati ad accettare i pagamenti con bancomat e carte di credito/debito – “901. Dal  1º luglio  2016  le  disposizioni  di  cui  al  comma  4 dell’articolo  15  del  decreto-legge  18 ottobre  2012,   n.   179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, si applicano anche ai dispositivi di cui alla lettera f) del comma  1 dell’articolo  7  del codice  della  strada,  di  cui   al   decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285”;

il comma 4 dell’art. 15 D.L. n. 179/2012 prevede che: “ 4. A decorrere dal 1°  gennaio  2014, i  soggetti  che  effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare  anche  pagamenti  effettuati attraverso carte  di debito.  Sono  in  ogni  caso  fatte  salve  le disposizioni del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231”, pertanto devono essere dotati degli appositi dispositivi;

il richiamo all’art. 7 Codice della Strada, rimanda l’applicazione della predetta disposizione alle “aree destinate al parcheggio sulle quali la sosta dei veicoli è subordinata al pagamento di una somma da riscuotere mediante dispositivi di controllo di durata della sosta, anche senza custodia del veicolo”;

a parere dell’Anci (Associazioni Comuni Italiani), nelle citta` dove esistono i pagamenti con sistemi che utilizzano i cellulari (cosiddetti “mobile payments”), si ritiene assolto l’obbligo di legge in oggetto, pur in assenza di lettori fisici di carte di debito e credito e, comunque, l’utente non sarebbe esentato dal pagamento;

al contrario, alcune sentenze di giudici di pace, che hanno trattato la questione, depongono in senso contrario; in particolare, sono stati accolti ricorsi (con conseguente annullamento del verbale e della sanzione) proposti da cittadini che non avevano versato la somma per il ticket di sosta in quanto il parcometro non era abilitato al pagamento bancomat;

i giudici ed altri pareri interpretativi hanno rilevato che, per evitare l’annullamento del verbale, il Comune dovrebbe dimostrare di non aver potuto ottemperare all’obbligo per impossibilità tecnica oggettiva.

CONSIDERATO CHE
nel Comune di Piacenza, le aree destinate a parcheggio sulle quali la sosta dei veicoli è subordinata alla corresponsione di una somma non sono attrezzate per il pagamento tramite bancomat o carte di credito, salvo forse alcune;

il Comune ha l’onere di adempiere alla normativa sopra citata, volta a garantire un servizio più efficiente per i cittadini e, più in generale, finalizzata al contrasto dell’evasione fiscale;

l’eventuale contestazione di una contravvenzione, se impugnata, potrebbe portare, secondo gli indirizzi giurisprudenziali attuali, all’annullamento del verbale;

l’operazione per abilitare i parcometri comporterebbe dei costi; allo stesso tempo, contestare sanzioni che, secondo l’attuale giurisprudenza, sarebbero annullabili comporta costi di difesa per l’ente, sempre a carico dei cittadini;

eventualmente si potrebbe ipotizzare l’adeguamento dei parcometri a scadenza e nuova stipula del contratto che affida la gestione dei parcheggi;

in altre realtà, il mancato adeguamento dei parcometri è stato addebitato alla mancata emanazione del decreto attuativo ex comma 900 Legge Stabilità da parte del Ministero Economia e Finanza.

CHIEDO
al Sindaco e agli Assessori competenti, se intendono abilitare i parcometri della città ad accettare pagamenti bancomat o con carte di credito/debito, ai sensi dell’art. 15 Legge di Stabilità e normativa sopra richiamata, ed in quali tempi;

in alternativa, se ritengono di non farlo a causa dei costi di adeguamento, quale interpretazione della normativa, tra quelle sopra descritte, ritengo di avallare nel caso di mancato pagamento del ticket da parte dei cittadini. 
 

L’urgenza è motivata dalla necessità di comprendere le motivazioni del mancato adeguamento dei parametri, di comprendere le intenzioni dell’attuale amministrazione e di avere certezze in merito per i cittadini. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.