PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alunni al Garilli e giocatori nelle aule. Nasce il progetto 3P

Un'intesa dalla durata di tre anni e che vede al centro un impegno comune per rilancio di uno degli sport nazionali per eccellenza, tra partecipazione e semplificazione.

Per Piacenza-Alessandria alunni delle primarie al Garilli e ogni settimana giocatori nelle aule.

E’ una delle prime iniziative legate al “Progetto 3P, Patto-Passione-Partecipazione”, frutto del protocollo d’intesa attuato tra dodici società calcistiche e Enti importanti, quali il Ministero dell’Interno, Presidenza del Consigliio-Ministro per lo Sport, il Comitato Olimpico Nazionale Italiano e la Federazione Italiana Giuoco Calcio.

Un’intesa dalla durata di tre anni e che vede al centro un impegno comune per rilancio di uno degli sport nazionali per eccellenza, tra partecipazione e semplificazione.

L’iniziativa è stata presenta questa mattina in viale Malta, alla presenza del Questore Salvatore Arena, del dirigente Stefano Vernelli e di alcuni rappresentanti del Piacenza Calcio: Marco Scianò (direttore generale della società biancorossa), Luca Matteassi (ex giocatore e neodirigente) e lo Slo (supporter liaison officer) Marco Balordi.

L’obiettivo, come sottolineato dallo stesso Questore, è quello di creare un dialogo costante tra forze dell’ordine e società per testimoniare i valori sani del calcio e riportare allo stadio bambini e i genitori, nonchè tutti gli appassionati del pallone, combattendo la litigiosità e le problematiche legate alla sua fruizione, che hanno avuto un ruolo importante nella disaffezione registrata negli ultimi anni.

Tra le novità da attuare, ed inserite nell’accordo, anche la semplificazione del sistema di ticketing (a Piacenza già attuati), la riduzione delle barriere negli impianti sportivi e la responsabilizzazione delle società, in un’ottica di inclusione,.

Un intervento ancor più necessario, alla luce della crisi in atto a livello nazionale, ma anche per quello che i tifosi devono rappresentare per questo movimento sportivo; percorso che ha trovato riscontro nel Piacenza Calcio, che ha aderito con entusiasmo.

Il primo banco di prova è fissato per il pomeriggio di  venerdì 24 novembre, quando i biancorossi affronteranno in casa l’Alessandria. Per l’occasione il settore Distinti sarà “invaso” dai bambini delle scuole elementari di Piacenza, invitati a supportare la squadra insieme ai genitori. 

Nel programma che mira a recuperare la dimensione sociale del calcio, sono inclusi anche degli incontri settimanali nelle aule degli istituti elementari e superiori (intitolari “la scuola Ci Piace” e “Armonia di squadra”) con i giocatori, che parleranno agli studenti della propria esperienza positiva nel calcio, rapportati alla vita di tutti i giorni, incentivandoli a presenziare alle partite grazie ad alcuni gadget personalizzati dalla società, che potranno utilizzare a scuola. 

INTERVISTA-VIDEO a STEFANO VERNELLI, dirigente della Questura di Piacenza

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.