PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Formazione e agribusiness, Africa Mission apre una nuova scuola in Uganda

«Un progetto pilota della durata di 3 anni - spiega Carlo Ruspantini direttore del Movimento - di riqualificazione del territorio e di formazione per i giovani».

Il 31 ottobre si sono ufficialmente aperti i cancelli della scuola di formazione e agribusiness per circa 310 giovani tra i 16 e i 25 anni provenienti dalla zona di Lira, nel nord dell’Uganda.

Un progetto voluto da Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo, Organizzazione Non Governativa presente in Uganda e in particolare nella regione del Karamoja da 45 anni.

Partners, insieme all’Organizzazione piacentina, VSO Ong (Voluntary Service Overseas) altra organizzazione impegnata nella cooperazione in diversi paesi del mondo, tra i quali l’Uganda e la Diocesi di Lira proprietaria del terreno dove sorge il nuovo complesso.

«Un progetto pilota della durata di 3 anni – spiega Carlo Ruspantini direttore del Movimento – di riqualificazione del territorio e di formazione per i giovani».

Si parla infatti di riqualificazione perché gli edifici, oggi diventati aule e dormitori, accoglievano negli anni ‘80 i malati di lebbra. «Era un lebbrosario – racconta Ruspantini – che don Vittorione aveva sempre sostenuto perché gli stava a cuore, ed è per questo che, con vera gioia, abbiamo accettato la sfida lanciataci dal Vescovo della Diocesi di Lira di realizzare un intervento di ristrutturazione e ampliamento degli stabili esistenti e riconversione dell’intera area. Si tratta di una vera e propria rinascita di un luogo ormai dismesso, per dare l’opportunità ai giovani di creare un sistema di agribusiness capace di soddisfare in futuro le esigenze di tutta la comunità».

Il contesto infatti in cui opera Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo è quello di un Paese, l’Uganda, con la popolazione più giovane al mondo (oltre il 78% della popolazione sotto i 30 anni) e con il tasso più alto di disoccupazione giovanile dell’Africa sub-sahariana (70% in nord Uganda).

Il Governo ha individuato il settore agricolo come il pilastro dell’economia ugandese date le enormi risorse naturali del Paese, ciò nonostante l’impegno dei giovani in agricoltura è in declino, perché non considerato come un business redditizio.

«La priorità del progetto è quella di perfezionare i mezzi di sussistenza dei giovani agricoltori, attraverso l’accesso ad una formazione professionale e della creazione di una rete di imprenditori legati all’agrifood value chain – racconta Ruspantini – con l’obiettivo di incentivare una produzione su scala sostenibile, di cui i giovani siano i protagonisti».

Infatti, i beneficiari diretti sono in particolare giovani che lavorano la terra nei loro villaggi ma che sono comunque inoccupati e hanno abbandonato la scuola prima del termine e residenti nella regione Lango, mentre beneficiari indiretti sono le famiglie stesse che grazie al miglioramento della produzione agricola beneficiano dell’aumento di reddito e le comunità che hanno così accesso a prodotti agricoli maggiormente nutrienti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.