PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il racconto per immagini della Piacenza del commercio, il libro

Nel volume, curato dal giornalista Ippolito Negri e da Mario Di Stefano, confluiscono alcune delle straordinarie immagini storiche dell'archivio Croce: una serie di ricordi di una Piacenza che non c'è più

Più informazioni su

E’ stato presentato a Palazzo Galli della Banca di Piacenza “Negozi e mercati del Novecento”, il libro che accompagna la mostra fotografica (aperta sempre a Palazzo Galli) promossa da 50&Più, associazione della Confcommercio.

Nel volume, curato dal giornalista Ippolito Negri e da Mario Di Stefano, confluiscono alcune delle straordinarie immagini storiche dell’archivio Croce: una serie di ricordi di una Piacenza che non c’è più.

A Ippolito Negri abbiamo chiesto: perché un libro fotografico sui negozi?

“Da qualche anno il Museo della Fotografia e dell’arte visuale sta pubblicando volumi che attingono al grande patrimonio fotografico che Maurizio Cavalloni, partendo dall’archivio dello Studio Croce, ha conservato.

Pubblicazioni tematiche che hanno un unico filone della ricostituzione della memoria storica di Piacenza.

L’Unione Commercianti era interessata alla ripubblicazione di una precedente realizzazione. S’è quindi pensato di produrre un nuovo volume che pur ripredendo elementi iconografici già noti potesse ampliare quanto già noto anche attraverso le nuove acquisizioni.

Abbiamo pensato quindi con Cavalloni e Mario Di Stefano di realizzare un “racconto” che partendo dalla fine dell’Ottocento, realizzasse una serie di “fermo immagine” per focalizzare la realtà commerciale della città nel secolo scorso.

E si è cercato di dare quante più informazioni fosse possibile sulle strade del commercio, quelle che avevano resa vitale la città. Così abbiamo cercato e ritrovato le collocazioni degli esercizi in modo da avere anche una corrispondenza tra testo e immagini, senza dimenticare le evoluzioni urbanistiche che hanno mutato il centro cittadino.

Insomma una cavalcata, come ha sottolineato, nel corso della presentazione Gaetano Rizzuto, attraverso la città per conoscerla meglio anche nei suoi aspetti di “bellezza” purtroppo spesso dimenticata e trascurata.

Ne è uscito un volume di oltre 260 fotografie, grazie al coordinamento editoriale di Di Stefano e di Giorgio Bertuzzi, per una pubblicazione resa gradevole nell’aspetto grazie alla grafica della copertina studiata da Benito Dodi”.

Nella prefazione del volume, il presidente di Unione Commercianti Piacenza Raffaele Chiappa ringrazia la “50 & Più”.

“La nostra associazione ritiene il commercio un importante – afferma – veicolo di progresso socio-economico e, quindi, insostituibile risorsa per la città. Sono queste le motivazioni che ci hanno spinto a promuovere con azioni concrete la valorizzazione e la tutela dei locali storici e delle attività storiche del nostro territorio che considera un inestimabile patrimonio di interesse culturale ed economico”.

“Da questo volume, si evidenzia un elevato livello di professionalità – continua Chiappa – che i locali commercianti avevano ed offrivano ai consumatori, in coerenza con i principi della qualità e della tradizione commerciale a cui Piacenza, da sempre si ispira. La nostra ambizione è quella di avviare e sostenere un tessuto commerciale di vicinato nuovo, innovativo che prendendo spunto dal passato tragga forza ed energia per arrivare alle nuove frontiere del commercio al dettaglio rappresentante in futuro, anche da/re-commerce”. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.