PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Sulpl piacentino manifesta a Bari per la Riforma della Polizia Locale

"Occorre - afferma Miriam Palumbo - fornire alla Polizia Locale gli stessi strumenti, la stessa formazione e le stesse tutele delle Forze di Polizia dello Stato"

Più informazioni su

Anche il Sulpl di Piacenza e Provincia parteciperà con una delegazione, insieme alle rappresentanze del Sulpl Emilia-Romagna, alla manifestazione per la riforma della Polizia Locale italiana in programma a Bari davanti alla sede che ospita il Presidente di Anci Antonio De Caro.

“La nostra riforma – spiega in una nota Miriam Palumbo, Coordinatore Area Territoriale  Vasta di Piacenza e Parma DICCAP_SULPL – giace in Parlamento da oltre 30 lunghi anni; a nostro avviso non è più rinviabile, visto il mutamento della società in cui operiamo. Occorre una legge di riforma che garantisca maggiori tutele/Diritti agli operatori di Polizia Locale e che consenta agli stessi di garantire reale sicurezza al nostro Paese. Occorre fornire alla Polizia Locale gli stessi strumenti, la stessa formazione e le stesse tutele delle Forze di Polizia dello Stato”.

“In sostanza lottiamo per ottenere un contratto pubblicistico (come del resto hanno già tutte le Categorie che svolgono funzioni di prevenzione e controllo) per i lavoratori della Polizia Locale, che oggettivamente svolgono un lavoro completamente diverso dagli impiegati comunali, ai quali, bisogna riconoscerlo, siamo accomunati solo dal datore di Lavoro, poiché i rischi sono di tutt’altra natura (prova ne sono tutti i Colleghi feriti o addirittura deceduti per causa di servizio)”.

“Dobbiamo essere uniti – aggiunge Palumbo – e lottare per non subire altri soprusi da parte dei burocrati che ai tavoli di trattativa decidono di sottrarci sempre più diritti, pretendendo sempre di più a costo zero, senza tutelarci; dobbiamo lottare affinchè il nostro ruolo nella società venga riconosciuto, al pari
delle Forze dell’Ordine, trascurando la paura di qualche vertice di vedersi sottratta una parte di visibilità.

“La Polizia Locale è una realtà, la nostra Professionalità è un dato di fatto, deve essere solo riconosciuta, senza se e senza ma. Chiediamo su tutto il territorio nazionale medesimi strumenti di autotutela, armamento, formazione, tutele legali e assicurative, essere inclusi tra le categorie di lavori usuranti”.

“Non dobbiamo arrenderci – conclude – anche per far sì che tanti Colleghi in servizio non siano morti inutilmente; noi lavoriamo per tutelare i cittadini, anche se in talune realtà veniamo utilizzati alla stregua di esattori”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.