PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Mi deve 6mila euro”, e si barrica in una casa di Vigolzone. Arrestato

Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni un 51enne rumeno. L'uomo rifiutava di lasciare l'abitazione della frazione di Carmiano, finché il proprietario non avesse saldato il debito che sosteneva di vantare nei suoi confronti.

Prima litiga con il proprietario dell’abitazione di Carmiano di Vigolzone (Piacenza) poi si “barrica” all’interno, rifiutando in ogni modo di andarsene, nonostante l’intervento dei carabinieri.

Si è concluso con un arresto per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni il lunedì di un 51enne rumeno, residente in Val Nure, che oggi comparirà in tribunale per il processo per direttissima.

Una vicenda nata da un disaccordo tra lo straniero e un 38enne italiano, per un presunto credito di 6mila euro che il  primo sosteneva di vantare nei suoi confronti per dei lavori edili, svolti in precedenza nella sua proprietà.

I militari della stazione di Ponte dell’Olio sono stati chiamati a intervenire sul posto alle13 di ieri, 27 novembre.

Lì era già presente una pattuglia di San Giorgio, che aveva cercato di convincere il 51enne a lasciare il cantiere, senza risultato.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il lavoratore aveva raggiunto la frazione di Vigolzone intorno a mezzogiorno. I due avevano iniziato a discutere, pare fino a giungere alle mani, anche se hanno fornito versioni discordanti sulle reciproche responsabilità.

Poi il 51enne si era insediato nella struttura, “barricandosi” all’interno. I militari hanno cercato di persuaderlo ad abbandonare l’occupazione abusiva e a far valere le proprie ragioni nelle sedi opportune, ma per risposta il 51enne si è “incatenato” con dei fili elettrici.

Liberato dagli operatori dell’Arma si è buttato a terra, scalciando con violenza quando hanno tentato di sollevarlo per condurlo sull’auto di servizio.

Un’operazione non semplice, costata a un militare una lesione al ginocchio (10 giorni di prognosi) e al collega una contusione a un braccio (giudicata guaribile in 20 giorni).

Il protagonista della resistenza è stato ammanettato e condotto in caserma, in attesa di comparire davanti al giudice.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.