PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pro, test Pisa nel posticipo per confermare il rilancio

Per i rossoneri, dopo i quattro punti raccolti contro Arezzo e Monza, la necessità di confermare il buon momento di forma per non aggravare una classifica che, nonostante il doppio risultato positivo, è rimasta pressoché invariata

Più informazioni su

Posticipo per il Pro Piacenza, che lunedi sera (20.45) se la vedrà con l’ambizioso Pisa in una sfida estremamente complicata contro una squadra proiettata alla corsa verso il primo posto nella super-sfida del 26 novembre contro il Livorno.

Per i rossoneri, dopo i quattro punti raccolti contro Arezzo e Monza, la necessità di confermare il buon momento di forma per non aggravare una classifica che, nonostante il doppio risultato positivo, è rimasta pressoché invariata: la squadra di Pea è al terz’ultimo posto davanti a Gavorrano e Prato, complici anche i risultati positivi di alcune concorrenti come Pontedera e Giana Erminio.

I neroazzurri con Michele Pazienza in panchina sembrano aver risolto i problemi offensivi con 8 reti in 5 partite ( a fronte delle 7 nelle precedenti 9), grazie soprattutto al contributo degli attaccanti Eusepi (3) e Masucci (2) nonchè del centrocampista De Vitis (2); di contro, con il passaggio alla difesa a tre, sembra aver perso in parte la solidità difensiva che aveva la squadra con Gautieri in panchina con 5 marcature al passivo contro le 3 della precedente gestione.

In trasferta il Pisa, che attualmente occupa la terza piazza a -2 dal Siena ed a -8 dal Livorno (che ha comunque un match in meno), ha subìto solo 4 reti (2 a Carrara, 1 a Lucca ed 1 ad Olbia) ed è imbattuta dalla prima giornata quando capitolò in Sardegna.

Da allora tre vittorie (Cuneo, Alessandria e Carrara) ed altrettanti pareggi (Monza, Lucca e Piacenza) per una squadra che ha proprio nei troppi segni X il proprio tallone d’Achille, con ben 7 risultati nulli complessivi (record del girone)

Dal 4-4- 2 di Gautieri Pazienza è passato progressivamente al 3-4-3, con Ingrosso-Lisuzzo e Carillo davanti a Petkovic; Gucher (o Maltese) con De Vitis coppia centrale e Mannini-Filippini sugli esterni; in avanti, dietro ad Eusepi, giostrano per solito Giannone e Musacci.
Foto propiacenza.it

Giancarlo Tagliaferri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.