PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Renzi visita il Tecnopolo: “Colpito dalle tecnologie del futuro” LE FOTO foto

Il leader Pd ha sostato alcuni minuti in stazione, prima di recarsi per una visita riservata al Polo della ricerca d’eccellenza nazionale in cui operano il Centro Rse, il laboratorio delle macchine utensili MUSP e INLAB srl, incubatore certificato per start up innovative

Più informazioni su

Tappa a Piacenza del segretario nazionale Partito Democratico Matteo Renzi nell’ambito del suo tour in treno attraverso il Paese. 

Un’ora di sosta nella nostra città per compiere una visita al Tecnopolo di Casino Mandelli e conoscere alcune delle imprese e start up all’avanguardia che operano nella struttura.

Ad accoglierlo in stazione il sottosegretario Paola De Micheli, l’onorevole Marco Bergonzi, il presidente della Provincia Francesco Rolleri, il direttore dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi, l’assessore regionale Paola Gazzolo, i consiglieri regionali Gianluigi MolinariKatia Tarasconi, oltre a numerosi esponenti del Partito Democratico di Piacenza guidati dal neosegretario provinciale Silvio Bisotti

Il leader Pd ha sostato pochi minuti in stazione, prima di recarsi per una visita riservata al Tecnopolo, sede delle ricerca d’eccellenza nazionale in cui operano il Centro Rse (Centro di ricerca sul sistema energetico), il laboratorio delle macchine utensili Musp e Inlab srl, incubatore certificato per start up innovative.

“Sono rimasto molto colpito – ha affermato Renzi, che ha concesso poche battute rapide alla stampa – dalle aziende che operano qui. Quelle che applicano la tecnologia al fotovoltaico, un pezzo di futuro delle energie rinnovabili.

Colpito e interessato anche dalle start up legate al settore sanitario e alla meccanica tradizionale”

Renzi era accompagnato dal capogruppo alla Camera dei Deputati Ettore Rosato e dai parlamentari Francesco Bonifazi e Matteo Ricchetti, portavoce nazionale Pd.

Una visita, prima al laboratorio Musp per due chiacchiere con il direttore Michele Monno e con gli ingegneri che vi operano, e poi al centro Rse per le energie rinnovabili. Infine il segretario Pd si è intrattenuto una mezzora all’incubatore Inlab.

Il presidente di Inlab Marco Carini ha illustrato le peculiarità dell’incubatore piacentino, a seguire le relazioni dei fondatori delle tre start up.

Il primo a parlare è Carlo Galli, odontoiatra, della start up “Art”, che si offre di sviluppare biomateriali per la rigenerazione dei tessuti, che conta di finire il progetto entro due anni e mezzo.

Dopo di lui Gianluca Sesella, fisioterapista, di U&O , che si propone di realizzare dispositivi robotici a fini riabilitativi, entro la fine del 2018.

A chiudere Ludovico Stravisio, di Innovatec che, brevetterà il primo ecografo wireless, in grado di parlare con qualunque dispositivo mobile e prevede di portarlo in commercio entro la fine del 2018.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.