PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

‘Sopravvissuta all’aborto’ La testimonianza di Gianna Jessen in San Giuseppe Operaio foto

Gianna Jessen, una delle poche persone nel mondo ad essere sopravvissuta all'aborto, ha incontrato, questa mattina, l'assessore Massimo Polledri e il consigliere comunale Michele Giardino (Forza Italia) in Comune a Piacenza.Sarà a Piacenza mercoledì 29 novembre alle 20.30 alla Parrocchia di San Giuseppe Operaio. 

Più informazioni su

Sarà a Piacenza mercoledì 29 novembre alle 20.30 alla Parrocchia di San Giuseppe Operaio Gianna Jessen, fervente antla californiana sopravvissuta all’aborto quarant’anni fa, sarà a Piacenza. Terrà una conferenza mercoledì 29 novembre alle 20,30 alla parrocchia di San Giuseppe operaio dove racconterà la sua esperienza. Oggi Gianna Jessen è la principale antiabortista degli Stati Uniti d’America e tiene conferenze in giro per tutto il mondo. L’iniziativa è stata organizzata dal Centro Manfredini, dai Templari di San Bernardo e dall’associazione ProVita. 

Una vita che non ci doveva essere, che parla per coloro che, a differenza sua, non ce l’hanno fatta e tenta di salvare chi può essere salvato. Gianna Jessen, una delle poche persone nel mondo ad essere sopravvissuta all’aborto, ha incontrato, questa mattina, l’assessore Massimo Polledri e il consigliere comunale Michele Giardino (Forza Italia) in Comune a Piacenza.Sarà a Piacenza mercoledì 29 novembre alle 20.30 alla Parrocchia di San Giuseppe Operaio Gianna Jessen, fervente antiabortista
 

Principale antiabortista negli Stati Uniti d’America, Gianna Jessen terrà una conferenza questa sera, mercoledì 29 novembre, alle 20,30, alla parrocchia di San Giuseppe operaio. Un’iniziativa organizzata dal Centro Manfredini, dai Templari di San Bernardo e dall’associazione ProVita.

Gianna Jessen gira tutto il mondo raccontando la sua esperienza, così da sensibilizzare l’opinione pubblica contro l’aborto. La donna ha raccontato la sua storia anche al Congresso degli Stati Uniti d’America e alla Camera dei Comuni del Regno Unito. Nel 2012, Andrew e Jon Irwin hanno basato su di lei il celebre film “October Baby”.

Gianna Jessen nacque prematura alla trentesima settimana di gravidanza. Sua madre era una ragazza diciassettenne del Tennessee che aveva scelto l’aborto, una soluzione che, in America, si può eseguire fino al giorno stesso del parto. Miracolosamente, il feto riuscì a sopravvivere, nonostante l’iniezione di una soluzione salina nell’utero e venne espulso ancora vivo nonostante l’esposizione, durata 18 ore, alla soluzione.
La soluzione salina però, causò alla neonata una paralisi cerebrale e muscolare. Paralisi che però, viene definita da Gianna come un dono, in quanto le permette “di dipendere completamente da Dio”.
Adottata a tre anni, Gianna Jessen riuscì poi a superare le difficoltà motorie indotte dalla paralisi e, nonostante le notevoli difficolotà, imparò a camminare senza tutore.

 

Potrebbe interessarti: http://www.ilpiacenza.it/eventi/gianna-jessen-san-giuseppe-operaio-29-novembre-2017.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/ilPiacenza.it

otrebbe interessarti: http://www.ilpiacenza.it/eventi/gianna-jessen-san-giuseppe-operaio-29-novembre-2017.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/ilPiacenza.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.