Besurica, Fiazza e Piroli (Pd): “Non chiudete la biblioteca”

Fiazza e Piroli hanno sottoscritto la raccolta firme promossa spontaneamente da un gruppo di cittadini, che si oppone alla chiusura della biblioteca collocata nel centro civico del quartiere

Più informazioni su

“Potenziare la biblioteca e, visti gli ampi spazi a disposizione, realizzare una sala dedicata all’aggregazione giovanile e una sede dislocata della Polizia municipale per tutelare e valorizzare un presidio di cultura nel quartiere”.

È questo in sintesi il messaggio lanciato dai consiglieri comunali Pd Christian Fiazza e Giulia Piroli, che hanno alzato le barricate in difesa del Punto prestiti libri della Besurica, “il cui destino è in bilico a fine anno, quando scadranno i finanziamenti stanziati dalla scorsa Giunta”.

Fiazza e Piroli hanno sottoscritto la raccolta firme promossa spontaneamente da un gruppo di cittadini, che si oppone alla chiusura della biblioteca collocata nel centro civico del quartiere.

“Questa struttura non è stata sufficientemente pubblicizzata. Bisognerebbe favorirne l’interazione con le altre realtà già esistenti alla Besurica, piuttosto di valutarne la soppressione – incalzano i due consiglieri comunali -. Sarebbe un grave segno di arretratezza e chiusura da parte dell’Amministrazione comunale, che al contrario dovrebbe spalancare le porte alla cultura e alla partecipazione”.

“Compito di questa amministrazione è trovare una soluzione, senza addossare le colpe alla Giunta precedente, perché solo governando s’impara. Grazie al Punto prestiti libri della Besurica hanno preso vita tante iniziative: gruppi di lettura, pomeriggi rivolti ai bambini da 0 a 6 anni e ai loro genitori e corsi di uncinetto, oltre al prestito digitale, alla consulenza bibliografica e ai posti studio con rete Wi-Fi. E tante altre potranno formarsi”.

“Invitiamo gli assessori competenti a potenziare il servizio, aumentando i giorni e gli orari d’apertura. Attualmente la biblioteca è attiva per i residenti solo al martedì, al giovedì e al sabato”.

“Inoltre – concludono Fiazza e Piroli -, visti gli ampi spazi a disposizione, proponiamo di realizzare una sala dedicata all’aggregazione giovanile, alle associazioni e ai gruppi informali che agiscono alla Besurica, nonché di prendere in considerazione una condivisione dei locali con una sede dislocata della Polizia municipale, fondamentale per garantire la vicinanza delle Forze dell’ordine a tutto il territorio”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.