Consulta Emiliano – Romagnoli nel mondo. Molinari ‘2018 ricco di attività e sfide’

“Il 2018 sarà l’anno in cui finalmente ‘esploderanno’ i progetti della Consulta approvati”

“Il 2018 sarà l’anno in cui finalmente ‘esploderanno’ i progetti della Consulta approvati”.

E’ il pronostico del piacentino Gian Luigi Molinari, presidente della Consulta emiliano-romagnoli nel mondo, sulle attività dell’istituzione regionale per il prossimo anno.

Dopo 3 anni di lavoro, il lancio dei bandi e le conferenze d’area d’Europa e del Sud America, si darà quindi il via anche a tanti nuovi progetti. Le principali attività della Consulta riguarderanno i rapporti con gli enti locali, con le associazioni, con le università e con tutto il mondo dell’emigrazione.

“Un mondo, che abbiamo cercato di rappresentare con il carico di cultura, lavoro, esperienza e onore che molti dei nostri emigrati si sono fatti all’estero costruendo attività commerciali, professionali e carriere artistiche”, commenta Molinari. “La scoperta e l’approfondimento anche solo di una piccola parte di questo mondo consentirebbe all’Emilia-Romagna- e quindi anche all’Italia- di sfruttare al meglio i nostri ambasciatori all’estero cercando di raccontare le loro storie non solo al passato ma anche al futuro”.

L’altra attività che la Consulta porterà avanti nel biennio 2018-2019 è la creazione di un museo virtuale dell’emigrazione emiliano-romagnola nel mondo. Si tratta di un progetto volto sia a valorizzare le storie della vecchia emigrazione, sia a raccontare le esperienze dei nuovi emigrati, soprattutto giovani. “Tutte queste azioni hanno lo scopo di non interrompere il legame tra la nostra regione e i nostri concittadini che risiedono all’estero, in un’ottica di arricchimento culturale, attraverso le esperienze e le storie dei nostri emigrati, ma anche in termini di nuove prospettive legate all’imprenditorialità” spiega il presidente della Consulta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.