PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Gioco azzardo e divieto slot, il Comune ha individuato i luoghi sensibili?”

Gloria Zanardi (Liberi) richiama la Legge Regionale con la quale “diventa operativo divieto di apertura e di esercizio delle sale gioco entro 500 metri da scuole, luoghi di aggregazione giovanili e di culto ed altri luoghi sensibili”

Più informazioni su

“Il Comune ha già provveduto alla mappatura dei luoghi sensibili come previsto dalla normativa sul contrasto alla dipendenza dal gioco d’azzardo patologico?”

La richiesta, attraverso un’interrogazione urgente, arriva dalla consigliera comunale Gloria Zanardi (Liberi) che richiama la Legge Regionale con la quale “diventa operativo divieto di apertura e di esercizio delle sale gioco e delle sale scommesse, ma anche la nuova installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito, entro una distanza di 500 metri da scuole, luoghi di aggregazione giovanili e di culto ed altri luoghi sensibili”.

“Per luoghi sensibili – ricorda Zanardi – sono intesi gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, i luoghi di culto, gli impianti sportivi, le strutture residenziali o semiresidenziali in ambito sanitario o sociosanitario, le strutture ricettive per categorie protette, i luoghi di aggregazione giovanile e gli oratori”.

“Ai Comuni – spiega – spetta individuare altri luoghi sensibili ai quali applicare le disposizioni, e viene indicato come criterio l’impatto sul contesto e sulla sicurezza urbana, oltre ai problemi connessi con la viabilità, l’inquinamento acustico e il disturbo della quiete pubblica; ogni Comune dovrà svolgere questa valutazione tenendo conto delle caratteristiche sociali ed economiche della popolazione del proprio territorio, e può pertanto portare a classificare come sensibili dei luoghi che in altre realtà non lo sono”.

“Il Comune deve provvedere ad individuare i luoghi sensibili sul proprio territorio entro sei mesi dalla pubblicazione della delibera sul Bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna e deve individuare le sale giochi e le sale scommesse e tutti gli esercizi autorizzati che ospitano apparecchi per il gioco d’azzardo lecito situati a meno di 500 metri”.

“Considerato che è in scadenza il termine semestrale previsto per consentire ai Comuni di realizzare la mappatura dei luoghi sensibili”, Zanardi chiede al Sindaco e agli Assessori competenti “se si è già provveduto alla mappatura dei luoghi sensibili come previsto dalla richiamata normativa, citata in premessa e, nel caso, di informare il Consiglio e la cittadinanza in merito ai criteri applicati affinché si ponga l’attenzione sul tema e sull’attività portata avanti dall’amministrazione”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.