Ok dei sindaci alla pianificazione economica del servizio rifiuti

I PEF raccolgono e ratificano i costi effettivi del servizio di gestione rifiuti e rappresentano, comune per comune, la base economica sulla quale le amministrazioni impostano la TARI.

Più informazioni su

L’incontro del Consiglio locale di ATERSIR svoltosi martedì 19 dicembre a Piacenza raccogliendo i sindaci del territorio ha previsto l’approvazione dei Piani Economico Finanziari.

I PEF raccolgono e ratificano i costi effettivi del servizio di gestione rifiuti e rappresentano, comune per comune, la base economica sulla quale le amministrazioni impostano la TARI.

“I PEF del 2018 – afferma Giuseppe Sidoli, coordinatore del Consiglio locale e Sindaco di Vernasca – che vi presentiamo sono in continuità con il 2017 e come tali non prevedono significativi aumenti sul territorio, a parità di servizi richiesti dai comuni al gestore. L’aumento dello 0,44% previsto è dovuto all’aumento della popolazione servita e colloca il costo del servizio, 136 € ad abitante all’anno, ancora al di sotto della media regionale. Segnalo il risultato della tariffa di smaltimento di 109 €/t, coerente con quanto questo Consiglio locale aveva proposto al Consiglio d’ambito, in un documento approvato all’unanimità. Questa decisione consente di evitare che la realtà di Piacenza possa essere penalizzata dai maggior costi di smaltimento dell’inceneritore di Parma”.

“La pianificazione economica del territorio piacentino per il 2018 – aggiunge Enrico Menozzi, rappresentante ATERSIR per l’area territoriale emiliana – persegue una sostanziale continuità sia per quanto riguarda i servizi, sia gli investimenti, poiché l’ambito territoriale si sta preparando per il nuovo affidamento, la cui gara sarà bandita nell’anno entrante dall’Agenzia”.

Al consiglio locale è stato inoltre condiviso il documento frutto dell’incontro tra gli amministratori locali che partecipano all’Ufficio di Presidenza di ATERSIR e i sindacati che, proprio in funzione della gara che si intende bandire per il nuovo affidamento del servizio rifiuti, intende salvaguardare il diritto dei lavoratori, specialmente per le categorie più deboli.

Il protocollo d’intesa, approvato all’unanimità, sarà firmato insieme alle sigle sindacali del territorio piacentino.

In calce alla seduta è stato presentato e approvato in assemblea il bilancio previsionale dell’Agenzia, adempimento previsto dalla legge e per il quale il consiglio locale esprime un parere. “L’Agenzia presenta un bilancio solido – afferma Vito Belladonna, Direttore di ATERSIR –. Degli oltre 16 milioni del bilancio totale dell’Agenzia, meno di quattro rappresentano il vero costo della struttura, mentre per i restanti 12 è costituito da quote passanti che entrano nel bilancio e vengono destinate, con criteri definiti, ai comuni sui due servizi (idrico e rifiuti) di cui si occupa l’Agenzia in forma di finanziamenti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.