Scuola e volontariato, il Comune finanzia 9 progetti

Tra questi iniziative dedicate a contrastare il bullismo, favorire integrazione degli studenti stranieri, sostenere l'educazione ambientale e la promozione della legalità.

Lotta al bullismo, integrazione degli studenti stranieri, educazione ambientale e promozione della legalità.

E’ un quadro ricco e pieno di colori, quello disegnato dai due bandi pubblici promossi dal Comune di Piacenza per realizzare progetti in ambito scolastico e educativo.

I finanziamenti sono destinati a scuole e a associazioni di volontariato: in tutto 122mila euro (con un significativo contributo di 60mila euro stanziati dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano).

I progetti selezionati sono 9, 5 presentati da scuole di ogni ordine e grado, mentre gli altri 4 sono stati presentati da associazioni

“Si tratta di progetti che vanno a incidere su quattro aree, per aiutare i ragazzi a diventare cittadini migliori – afferma l’assessore alle politiche scolastiche Erika Opizzi -. Sono percorsi che completano il percorso già avviato dalle scuole. Il bilancio dell’anno non è positivo, ma quei pochi soldi che abbiamo cerchiamo di investirli nei progetti educativi, che riteniamo fondamentali”.

Alberto Dosi, consigliere della Fondazione di Piacenza e Vigevano da parte sua sottolinea come ‘la Fondazione abbia come obiettivo primario, già deliberato per i prossimi anni, di intervenire a fronte dell’emergenza scolastica e di quella che abbiamo definito come povertà educativa, che genera una spirale con gravi conseguenze in ambito sociale.

L’aspetto dell’educazione deve essere primario nella società. Avere una buona educazione a scuola comporta avere meno difficoltà nel tempo. Mi auguro che i nostri fondi e l’impegno di tutti portino a un miglioramento”.

Michela Piccoli

 
I FONDI – I contributi messi a disposizione sono complessivamente 122.200€ (€ 64.500 per le Scuole e € 57.700 per il Terzo Settore). Per la realizzazione dei progetti il Comune di Piacenza ha ottenuto un significativo contributo biennale di € 60.000 annui da parte della Fondazione di Piacenza e Vigevano.

Con riferimento agli avvisi pubblici per la concessione di contributi a parziale sostegno della realizzazione di proposte progettuali di carattere socio-educativo a favore delle Istituzioni Scolastiche i progetti vincitori nelle diverse aree di intervento sono di seguito sintetizzati:

 
I PROGETTI

AMBITO A – CONTRASTO A SITUAZIONI DI DISAGIO E PREVENZIONE DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA

 
– Titolo del progetto: UNA RETE PER UNA SCUOLA DI BENESSERE
Soggetto vincitore: Istituto Raineri-Marcora (capofila) in rete con Istituti Marconi e Romagnosi. Contributo: € 16.000
Destinatari: studenti del biennio degli istituti professionali delle scuole secondarie di II grado coinvolti nella rete (Marcora, Da Vinci, Casali) a forte rischio di abbandono scolastico.
Obiettivi: favorire l’accoglienza, l’inserimento e l’integrazione degli alunni nel percorso didattico, con particolare attenzione a coloro che richiedono una personalizzazione degli apprendimenti (stranieri, disabili, disturbi specifici dell’apprendimento, disturbi di comportamento e di relazione, ecc.); favorire il successo scolastico attraverso interventi finalizzati alla rimotivazione allo studio, al sostegno scolastico, al contrasto del disagio e della dispersione scolastica.
Azioni previste: 
– Rafforzamento delle competenze di base attraverso attività laboratoriali che utilizzano tecnologie multimediali, con interventi di “didattica breve”, didattica interculturale e attività di tutoring in risposta ai bisogni degli studenti. 
Recupero didattico e metodo di studio. 
Sportello di ascolto e supporto psicologico-relazionale rivolto a studenti con difficoltà psicologiche, relazionali o motivazionali. Si svolgono laboratori per costruire relazioni positive nel gruppo classe e attività di counselling individuale.
– Riorientamento individuale in ingresso e “Passerelle”, per consentire agli studenti del primo anno di riprogettare il proprio percorso formativo attraverso il passaggio a corsi di indirizzo diverso da quello prescelto. 
Stage e laboratori interattivi per gli studenti delle classi III delle scuole secondarie di I grado presso gli istituti professionali della rete, per orientarli nella scelta dell’indirizzo di studio, con attività di accompagnamento e tutoraggio di alunni “senior” delle classi terminali delle scuole aderenti alla rete. 
– – – – – –
Titolo del progetto: C’ENTRO ANCH’IO
Soggetto vincitore: Scuola Secondaria di I grado Dante-Carducci (capofila) in rete con Scuola Secondaria di I grado Calvino e CPIA. Contributo: € 8.000

Destinatari: studenti in forte disagio e a rischio di dispersione scolastica

Obiettivi: prevenire il disagio scolastico, la dispersione e promuovere percorsi per potenziare l’autostima e  l’acquisizione di competenze e abilità.

Azioni previste: 
– Interventi intensivi di insegnamento della lingua italiana rivolti agli studenti non italofoni per accompagnarli alla lingua per lo studio.
Accompagnamento nello studio per favorire il successo scolastico e il conseguimento del titolo conclusivo del I ciclo di istruzione.
Predisposizione di supporti e materiali di studio personalizzati e semplificati, per colmare lacune linguistiche e criticità di apprendimento.
Esperienze laboratoriali creative finalizzate a ridurre il disagio psico-sociale, superare difficoltà relazionali, favorire l’integrazione nel gruppo classe e potenziare
il senso di appartenenza al contesto educativo.
 
AMBITO B – CONTRASTO AI FENOMENI DI BULLISMO E CYBERBULLISMO
 
Titolo del progetto: SCHERMO NERO: C’E’ UNA PERSONA DIETRO LA TASTIERA 
Soggetto vincitore: Istituto Tramello-Cassinari in collaborazione con la Coop. Casa del fanciullo. Contributo: € 8.000
Destinatari: studenti del biennio dell’Istituto
Obiettivi: sensibilizzare gli studenti rispetto al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo e dei rischi connessi, attraverso un uso consapevole delle nuove tecnologie e dei social network.
Azioni previste: il progetto realizza momenti informativi e di riflessione circa meccanismi e rischi nell’uso dei social network e circa le tipologie esistenti di bullismo e cyberbullismo; attraverso giochi e attività i ragazzi sperimentano le varie situazioni di bullismo, condividono le proprie esperienze rispetto al tema; rielaborano graficamente l’esperienza vissuta o realizzano un prodotto creativo finalizzato a sensibilizzare i coetanei; si terranno incontri con esperti di legge circa la responsabilità legale. 
 
AMBITO C – MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI DI ACCOGLIENZA E INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DI ORIGINE STRANIERA 
 
Titolo del progetto: PLAY STATION
Soggetto vincitore: II Circolo (capofila) in rete con V e VIII Circolo e con Istituto secondario di I grado Calvino. Contributo: € 24.000
Destinatari: alunni delle classi del secondo ciclo delle scuole aderenti alla rete.
Obiettivi: arricchire l’esperienza linguistica dei bambini, promuovere l’apprendimento della seconda lingua in un contesto laboratoriale e ludico, incoraggiare lo sviluppo di abilità espressive, comunicative e sociali. 
Azioni previste: il progetto prevede di utilizzare il linguaggio artistico ed espressivo per permettere ai bambini di esprimere le proprie emozioni e rapportarsi tra loro, superando le barriere culturali e sociali. Attraverso la metodologia teatrale i bambini prendono coscienza di se stessi, delle proprie emozioni, dei propri comportamenti, migliorano la produzione orale e le abilità espressive sia in lingua italiana che in inglese. I laboratori teatrali saranno condotti da un esperto in materia teatrale e con adeguato livello di conoscenza della lingua inglese. 
 
AMBITO D – SOSTEGNO AD INIZIATIVE IN TEMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE  
 
Titolo del progetto: MOBILITA’ ATTIVA 3
Soggetto vincitore: VIII Circolo (capofila) in rete con II – III – IV – V – VII Circolo Didattico, in collaborazione con CEAS Infoambiente Contributo: € 8.500
Destinatari: le scuole aderenti alla rete
Obiettivi: realizzare un comune progetto di sviluppo della comunità finalizzato alla tutela della salute, promovendo la sostenibilità e la mobilità attiva; fornire ai bambini strumenti innovativi di lettura e comprensione dell’ambiente urbano e scolastico; aiutare a capire l’impatto delle scelte di mobilità sulla salute e sull’ecosistema; elaborare idee e promuovere azioni finalizzate al miglioramento del contesto di vita.
Azioni previste: 
Progetto PEDIBUS, centrato sulla mobilità attiva e sostenibile lungo i percorsi casa-scuola e sulla tutela della salute. Scuole primarie aderenti: S. Lazzaro, Mazzini, Giordani, De Gasperi, Caduti, Vittorino, 25 aprile, Pezzani, Don Minzoni.  
Progetto LIBERI DI MUOVERSI, che coinvolge le scuole primarie Due Giugno e Don Minzoni, e intende lavorare sul contesto urbano e scolastico, per progettare con gli studenti un ambiente sicuro, a misura di bambino, che permetta loro di muoversi in autonomia. Per l’ambito d) Sostegno ad iniziative in tema di educazione ambientale e di promozione della salute.
_________________________
Con riferimento agli avvisi pubblici per la concessione di contributi a parziale sostegno della realizzazione di proposte progettuali di carattere socio-educativo a favore delle Organizzazioni del Terzo Settore i progetti vincitori nelle diverse aree di intervento sono di seguito sintetizzati:
 
AMBITO A – PROMOZIONE DELLA LEGALITA’, DELLA CITTADINANZA, DEI DIRITTI E DEI DOVERI
 
Titolo del progetto: CRESCIAMO DIRITTI
Soggetto vincitore: Ass.ne Tersicore (capofila), in collaborazione con Ass.ne Le Valigie, ARCI – Libera e Ass.ne Cantiere Simone Weil. Contributo: € 20.000
Destinatari: scuole secondarie di I grado e biennio delle scuole secondarie di II grado
Obiettivi: promuovere tra i ragazzi la cittadinanza attiva, diffondere la cultura della legalità, promuovere i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. 
Azioni previste:
L’Ass.ne Tersicore coordina il Consiglio Comunale dei ragazzi e delle ragazze di Piacenza, gli incontri istituzionali con l’Amministrazione Comunale e le varie iniziative pubbliche (es. progetto ConCittadini, Multa morale, Abbaia con noi, Noi vigili-amo la salute). Sono interessate al progetto 10 classi delle scuole secondarie di I grado Calvino, Dante, Carducci, Faustini, Frank (300 studenti stimati). 
L’Ass.ne Le Valigie realizza il progetto di educazione alla legalità “Io sono se noi siamo” rivolto alle classi II delle scuole secondarie di I grado; verrà indetto un concorso letterario sul tema del rispetto delle regole e delle altre persone come punto di partenza per diventare un buon cittadino.
L’Ass.ne Simone Weil sviluppa un percorso teatrale rivolto ad alcune classi del biennio delle scuole secondarie di II grado dal titolo “La terra è fatta di cielo” incentrato sul tema della sostenibilità ambientale. 
ARCI in collaborazione con Libera attiverà dei laboratori nelle scuole secondarie di I grado e nel biennio delle scuole secondarie di II grado con l’obiettivo di far conoscere il fenomeno delle organizzazioni mafiose nel nostro Paese.
 
AMBITO B – ATTIVITA’ DI STUDIO, RICERCA E ANALISI DEI BISOGNI IN AMBITO EDUCATIVO
 
Titolo del progetto: QUANDO I CONTI NON TORNANO
Soggetto vincitore: Cooperativa Sociale L’Arco (capofila), in collaborazione con Cooperativa TICE, Università Cattolica, Ass.ne Concorto e Ass.ne La Ricerca. Contributo: € 12.000
Destinatari: scuole secondarie di I grado Dante-Carducci, Faustini-Frank-Alberoni, Centri di aggregazione giovanile Belleville, Spazio 2 e Spazio 4.
Obiettivi: raccogliere e raccontare i bisogni degli adolescenti; dare voce ai ragazzi e renderli protagonisti attraverso le immagini per elaborare percorsi di crescita e di costruzione del proprio futuro.
Azioni previste:
Fragilità: come fronteggiarla: il progetto si rivolge a un campione di ragazzi tra i 12 e i 18 anni con bisogni educativi speciali segnalati dalla scuola o dalla famiglia, a rischio di abbandono scolastico e con difficoltà nelle aree emotive e comportamentali. L’intervento prevede attività di potenziamento delle abilità di studio associate ad attività di volontariato, per favorire nei ragazzi l’acquisizione di indipendenza e responsabilità.
– Le immagini in testa – Tracce di futuro: il progetto si configura come ricerca-azione sulla percezione e sulla consapevolezza dei meccanismi di funzionamento del gioco d’azzardo, dei media e delle tecnologie. Per sviluppare un pensiero critico si coinvolgono i ragazzi nell’analisi delle immagini delle pubblicità e dei media, poi attraverso animazioni e giochi di ruolo li si conduce a riconoscere gli schemi e i messaggi dei media; successivamente si incoraggiano i ragazzi a produrre propri messaggi e proprie immagini, aiutandoli a riflettere sul gioco d’azzardo, le convergenze tecnologiche e l’utilizzo degli smartphone. I risultati della ricerca consisteranno nella produzione di audiovisivi, accompagnate dalle riflessioni dei ragazzi, degli insegnanti e dei formatori. 
Sono coinvolte le scuole secondarie di I grado coinvolte e i tre Centri di aggregazione giovanile. Al termine del progetto è previsto un evento pubblico di condivisione dei prodotti realizzati dai ragazzi.
 
AMBITO C – PROMOZIONE DI ATTIVITA’ ARTISTICO-ESPRESSIVE PER LA PREVENZIONE DEL DISAGIO
 
Titolo del progetto: TEATRO DI CLASSE 2.0
Soggetto vincitore: Manicomics Teatro (capofila), in collaborazione con Cantiere 17, Mondo Aperto Ass.ne, CPIA, Manicomics APS e le Direzioni Didattiche del III, IV, V, VII e VIII Circolo. Contributo: € 11.500
Destinatari: scuole del I ciclo
Obiettivi: il progetto si propone come un modello di fare teatro in educazione, realizzando laboratori finalizzati alla crescita e alla consapevolezza di sé e degli altri, alla socializzazione, alla crescita dell’autostima.
Azioni previste: 
Nel corso dei laboratori, in collaborazione con i soggetti partners, si costruirà un percorso narrativo che attraverso sessioni di scrittura creativa darà origine alla storia che verrà successivamente drammatizzata.
Ogni Circolo Didattico avrà a disposizione 30 ore di laboratorio teatrale da destinare a una classe, scelta insieme al dirigente scolastico e ai docenti referenti. Hanno manifestato l’interesse a partecipare al progetto i plessi Taverna, De Amicis, Vittorino da Feltre, Pezzani, Don Minzoni.
 
AMBITO D – SOSTEGNO A PROGETTI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA A RILIEVO SOCIO-EDUCATIVO, NELL’AMBITO TERRITORIALE DEL QUARTIERE ROMA 
 
Titolo del progetto: IL TEMPO PER COSTRUIRE
Soggetto vincitore: SVEP (capofila), in collaborazione con la Cooperativa L’Arco, l’Ass.ne Porta sul mondo, La Fabbrica dei grilli e AUSER. Partner: Gruppo Alpini, Legambiente, Scuola Alberoni, Trespass, Minisportlab, Ass.ne Quartiere Roma Shopping Area, Il Circolino. Contributo: € 14.200
Destinatari: residenti del quartiere
Obiettivi: favorire l’aggregazione e la riqualificazione urbana del quartiere Roma; favorire il protagonismo giovanile e la partecipazione diretta dei cittadini; favorire la coesione sociale e la sicurezza; promuovere la pulizia e la cura del quartiere; promuovere intereventi rivolti alle famiglie e agi adolescenti; mantenere un tavolo di confronto del Terzo Settore che lavora per il quartiere.
Azioni previste: 
Il progetto prevede di aumentare le occasioni di utilizzo degli spazi pubblici. In collaborazione con Trespass e Quartiere Roma Shopping Area si organizzeranno 2 eventi per le vie del quartiere e i giardini; per riqualificare i negozi sfitti e aumentare il decoro di via Roma si chiederà ai proprietari di metterli a disposizione per farne spazi espositivi sui mestieri e gli usi di un tempo.
Si promuoverà la partecipazione diretta dei cittadini: Auser formerà giovani volontari che potranno attivarsi a fronte delle richieste e dei bisogni espressi dagli anziani del quartiere. Altre forme di volontariato saranno la cura e la pulizia dei giardini, insieme al gruppo Alpini di Piacenza. La Fabbrica dei grilli, in collaborazione con uno sceneggiatore-attore realizzerà un laboratorio di docu-teatro rivolto a 12 residenti sia italiani che stranieri.
Per promuovere la pulizia e la cura del quartiere si attiveranno diversi interventi: con il gruppo Alpini una squadra di volontari si occuperà della pulizia dei giardini; l’Ass.ne Porta sul mondo organizzerà un laboratorio di giardinaggio presso i Giardini Margherita, coinvolgendo un gruppo di migranti e gli alunni della scuola Alberoni. Si interverrà anche per promuovere comportamenti virtuosi, specialmente riguardo la raccolta differenziata.
Si ripropone l’attività di doposcuola sportivo integrato presso la scuola Alberoni a cura dell’Ass.ne Minisportlab presso la palestra della scuola e dopo l’orario scolastico. 
Il progetto sostiene il lavoro svolto dall’Ass.ne Fabbrica dei grilli nel quartiere in termini di inclusione sociale e accompagnamento scolastico: accoglienza di 10 ragazzi del gruppo autismo 0-30 di ASL, attività pomeridiane con i ragazzi delle superiori, “Scuola azzurra” per bambini a rischio dispersione scolastica e per adulti che necessitano di migliorare la lettura e la scrittura. Si prevede di attivare un corso di italiano per 5 ragazzi della fascia 11-14 anni, a cura dell’Ass.ne Il Circolino (3 incontri la settimana di 2 ore ciascuno, per 6 mesi).
Si proseguirà con il Tavolo di confronto del Terzo settore, che si riunisce periodicamente presso SVEP e lavora in rete per rilevare i bisogni del quartiere e progettare interventi in grado di rispondere efficacemente agli stessi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.