Quantcast

Basket promozione, Virtus corsara a Cortemaggiore 65/70

IRA TENAX CORTEMAGGIORE VIRTUS PONTE DELL’OLIO 65/70  (18/15, 31/35, 39/47, 59/59, DTS 65/70)
VIRTUS: GREGORI 1, FELLEGARA 13, BELLIN 7, TORARO, PETKOVSKI 3, PONZI 2, CARINI 13, SCARIONATI 2, COTTINI 10, PASSALACQUA 11, PETROV 8.  ALLENATORE: LUCEV

Virtus corsara sul difficilissimo campo di Cortemaggiore, secondo in classifica, centra la terza vittoria consecutiva. Partita vietata ai deboli di cuore con continui capovolgimenti di fronte e con numerosi falli tecnici e antisportivi fischiati dalla copia arbitrale, spesso contestata per le decisioni assunte.

Le due compagini si sono affrontate a viso aperto e la gara è sempre stata avvincente e spigolosa. Partono fortissimo i ragazzi di Cortemaggiore guidati da uno scatenato Betti e in men che non si dica si portano sul 12 a 0. Per la Virtus, dopo la strigliata di coach Luvev, Passalacqua suona la carica e mette a referto 7 punti consecutivi con il  1° quarto che si chiude con il parziale di 18 a 15 in favore dei magiostrini.

Nel secondo periodo la partita sale d’intensità,  l’attenta difesa e il pressing dell’asse Bellin, Totaro, Gregori e Petkovski permette agli ospiti di recuperare tanti palloni e costruire un break fondamentale  che consente a Ponte di andare al riposo lungo a +4.

Al ritorno in campo, grazie ad un ottimo lavoro di squadra dove gli esterni segnano da tutte le posizioni e con Petrov che mette a segno alcuni canestri di pregevole fattura  la Virtus riesce ad incrementare il vantaggio chiudendo il terzo quarto  39 a 47.

Nell’ultimo periodo la Virtus ha praticamente giocato senza i lunghi che sono stati costretti a lasciare il campo per aver raggiunto i 5 falli, l’esterno Scarionati è stato spostato dall’allenatore a giocare sotto canestro. Quando la partita sembrava terminata a favore della Virtus, nell’utima azione Betti trova una bomba improbabile e la contesa è stata spostata ai supplementari sul punteggio di 59 a 59.

Nel supplementare i ragazzi della Virtus accusano il colpo e non trovano più il canestro, ed a un minuto e 30 secondi dalla fine i padroni di casa si trovano avanti di 5 punti ma il capitano Petkovski non ci sta e mette a segno una importantissima tripla che riapre l’incontro e da morale ai Pontolliesi.

A quel punto a meno di un minuto dalla fine succede di tutto, gli arbitri assegnano numerosi tiri liberi causati da falli sistematici e tecnici.

Dalla lunetta Fellegara, nonostante la giovane età e la pressione, fa 5 su 5 e anche a Carini, autore di una prestazione maiuscola, non trema la mano e, sempre ai liberi mette a segno un 2 su 2.

La Virtus chiude la contesa 65 a 70 con il morale alle stelle.

Da segnalare per Virtus un’ottima prova di tutto il collettivo.

Prossimo impegno casalingo per i Pontolliesi sarà contro Magik Parma, che vorrà di certo vendicare la sconfitta subita nel girone di andata.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.