Quantcast

Cerutti e La Pizza+1 primi tra gli italiani alla Dakar 2018

Più informazioni su

Primo tra i piloti italiani e ventesimo assoluto: ecco il bilancio di Jacopo Cerutti nella Dakar 2018.

Il ventottenne, sostenuto da La Pizza +1 – brand piacentino specializzato nella produzione di pizza e focaccia fresca in atmosfera modificata – ha tagliato il traguardo del rally raid più famoso del mondo con un risultato più che positivo che lo consacra tra i migliori al mondo della specialità.

Al termine delle 14 tappe in programma, Cerutti  – in gara con l’Husquarna gestita dal team Moto Racing Group – è soddisfatto: “Una gara dura fino alla fine”, racconta. “Perfino l’ultima giornata è stata complessa. Polvere prima e diluvio dopo non hanno semplificato per niente la situazione. Sono contento di come sia finita: più di così era veramente difficile riuscire a salire in classifica. Il livello dei concorrenti alla Dakar è davvero alto”.

C’è solo un pizzico di rammarico pensando alla terza prova. A 300 metri dall’arrivo, Cerutti è rimasto senza benzina. Ha tagliato comunque il traguardo, a spinta, perdendo però dieci minuti. Tempo che ha inciso sulla classifica e che avrebbe potuto azzerare l’ottimismo di chiunque: perdere tutti quei minuti nelle fasi iniziali della Dakar non è certo facile da digerire e da sopportare mentalmente.

Jacopo, tuttavia, è riuscito a guardare solo avanti, risalendo dal 36° posto del terzo giorno al 20°  dell’ultima tappa con il primato tra gli italiani in aggiunta.

La Dakar è partita il 6 di questo mese da Lima, in Perù, attraversando poi la Bolivia per chiudere in Argentina, a Cordoba, il 20 gennaio. 9.000 chilometri tra i deserti, le montagne, il fango e la polvere.

Una prova non per tutti, né dal punto di vista fisico né psicologico: centinaia di chilometri al giorno da percorrere per poi riposare solo qualche ora in una tenda, in mezzo al nulla; la sabbia del deserto che entra nella pelle e va via solo dopo alcuni giorni e dopo parecchie docce; moto che devono essere perfette perché un solo guasto comprometterebbe tutto. Tutto questo, e molto di più, è la Dakar.

Una sfida da piloti veri, con gli attributi. Una sfida che Cerutti e La Pizza +1 hanno superato a pieni voti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.