Quantcast

Immobili in lieve diminuzione a Piacenza. L’ANALISI zona per zona

Più informazioni su

A Piacenza nella prima parte del 2017 i valori immobiliari non hanno segnalato particolari variazioni, si registra infatti una lieve diminuzione dello 0,6% rispetto al secondo semestre del 2016.

I prezzi sono quindi ai minimi e questo ha spinto molte persone ad avvicinarsi con fiducia al mercato immobiliare, si registra infatti un aumento del numero di richieste e di compravendite.

Da evidenziare inoltre il ritorno di qualche investitore, tipologia di acquirente che era praticamente scomparsa negli ultimi anni.

E’ il quadro del mercato immobiliare della città di Piacenza che emerge dall’indagine dell’Osservatorio Immobiliare Gruppo Tecnocasa, giunto alla sua 50esima edizione.

I PREZZI PER ZONE

L’ANALISI SU PIACENZA –  Chi compra per mettere a reddito sceglie in genere bilocali, oppure piccoli trilocali per una spesa complessiva compresa tra 60 ed 85 mila €.

Gli acquirenti di prima casa sono perlopiù famiglie in cerca della soluzione migliorativa oppure coppie che, in seguito all’uscita dei figli dal nucleo familiare, comprano abitazioni dalle dimensioni più contenute.

La domanda si focalizza sui trilocali, anche se sono in crescita le richieste di quattro locali, di soluzioni semindipendenti ed indipendenti. Le abitazioni più ricercate sono quelle ben rifinite, che non necessitino di interventi di ristrutturazione, oppure le tipologie di nuova costruzione, sempre più apprezzate dagli acquirenti.

Da segnalare nuovi interventi residenziali in via Veneto, dove si possono comprare appartamenti in classe energetica A con una spesa di 2600 € al mq, e nel quartiere Besurica, dove ci sono appartamenti in classe A+ in vendita a 2400 € al mq.

In corso Vittorio Emanuele, inoltre, sono in fase di riqualificazione alcune soluzioni prima destinate ad uso ufficio e che adesso saranno trasformate in abitazioni.

I top prices si raggiungono nel Centro Storico, in particolare in piazza Cavalli, corso Vittorio Emanuele e via Borgo dove si toccano punte di 3500 € al mq per tipologie ristrutturate.

Le quotazioni sono più contenute in zona Stadio, quartiere sempre molto richiesto perché verde e caratterizzato da palazzine degli anni ’70: l’usato si acquista con una spesa di 1400-1700 € al mq, il nuovo ha un valore di 2700 € al mq.

Grazie alla vicinanza al Centro e alla stazione ferroviaria, piace anche la zona che si sviluppa intorno a piazzale Velleia, dove i prezzi dell’usato sono compresi tra 900 e 1300 € al mq.

Sempre molto apprezzate Clinica Piacenza e Belvedere, caratterizzate da soluzioni signorili realizzate negli anni ’70 che si valutano mediamente 1800 e 1500 € al mq, rispettivamente. Nella zona di Clinica Piacenza ci sono anche case singole costruite a cavallo tra gli anni ’50 e ’60 i cui prezzi oscillano tra 450 e 800 mila €.

Signorile anche l’area della Besurica, dove ci sono appartamenti quadrifamiliari a prezzi compresi tra 170 e 250 mila € e villette a schiera con prezzi vicini a 300 mila €.

La zona Farnesiana – Baia del Re risale agli anni ’60, ma dal 2004 ha visto un importante sviluppo residenziale grazie alla riqualificazione di un’area dismessa, al cui posto sono state costruite abitazioni e villette: il nuovo si vende a 1800 € al mq e può toccare 2300 € al mq per soluzioni in classe A.

Il quartiere compreso tra San Lazzaro e via Farnesiana si è sviluppato negli anni ’80 in un’area ben servita da scuole, centri commerciali, centri sportivi e ricca di verde pubblico. Prevale un’edilizia convenzionata ormai riscattata, che comporta una spesa di 1200-1300 € al mq.

Soluzioni semindipendenti e indipendenti possono essere acquistate nel quartiere Infrangibile, che costituisce un’area verde e prestigiosa della città: gli immobili risalgono alla seconda metà degli anni ’70 e i prezzi dell’usato sono compresi tra 1300 e 1500 € al mq, ma ci sono anche soluzioni di nuova costruzione che si scambiano a circa 2300 € al mq.

L’area di via Veneto è divisa in due zone: nella prima parte, in direzione Barriera Genova al confine con il Centro storico della città, ci sono soluzioni signorili in condomini degli anni ’70 valutate 1600 € al mq, mentre nella parte finale si trova un’area meno prestigiosa caratterizzata da contesti realizzati tra la fine degli anni ’60 ed i primi anni ’70, con appartamenti dalle metrature più ridotte.

L’area della Buffalora, nei pressi di via Veneto e del Quartiere 2000, è composta da soluzioni medio-economiche costruite tra gli anni ’60 e ’70: i tagli sono compresi tra 80 e 100 mq e i prezzi dell’usato oscillano tra 850 e 1150 € al mq.

Da segnalare che nei prossimi anni nell’area di via Veneto, Quartiere 2000 e Zona Infrangibile sono previsti importanti interventi per la realizzazione di circa 200-230 nuove unità abitative.

Sempre attivo il mercato delle locazioni, il numero di richieste è in crescita e proviene da studenti universitari, lavoratori trasfertisti, coppie e famiglie.

Il canone di un bilocale oscilla tra 430 e 480 € al mese nell’area centrale adiacente a piazza Cavalli, in zona Clinica e per le tipologie di nuova costruzione, mentre l’importo scende a 380-420 € al mese nelle altre aree della città.

Tra le zone più richieste per quanto riguarda gli affitti da segnalare l’area dell’Università, del Polo Logistico e le zone nei pressi degli svincoli delle tangenziali. Si utilizzano contratti a canone libero, a canone concordato e a carattere transitorio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.