Quantcast

La diversità raccontata dalle voci de “La Bella e la Bestia”

Più informazioni su

Va in scena a Piacenza con la Compagnia Il Baule Volante “La bella e la Bestia”. Appuntamento al Teatro Filodrammatici per un pubblico dai 6 ai 12 anni giovedì 25 gennaio 2018 con doppio appuntamento alle ore 9 e alle ore 10.45 nel cartellone della Stagione di teatro scuola 2017/2018 “Salt’in Banco” di Teatro Gioco Vita, curata da Simona Rossi e organizzata dal Centro di produzione teatrale diretto da Diego Maj con Fondazione Teatri e Comune di Piacenza, la collaborazione dell’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita e il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano.

Lo spettacolo è interpretato dal duo artistico Liliana Letterese e Andrea Lugli, con la regia di Roberto Anglisani e la drammaturgia del movimento di Caterina Tavolini. La produzione di Accademia Perduta – Romagna Teatri con la collaborazione Il Baule Volante.

Attraverso l’avvincente intreccio di questa fiaba classica si intende parlare di alcuni aspetti del concetto di diversità, indagando sul “diverso” che sta dentro di noi. I protagonisti della storia hanno entrambi caratteristiche che li rendono particolari, ma al tempo stesso affini ad ognuno di noi.

Nasce così una storia ricca di fascino e di emozione, in cui emergono i significati nascosti attraverso la parola ed il movimento, esaltando la tecnica del racconto orale, con la sua essenzialità ed immediatezza.

Il pubblico, quasi come per magia, finisce per identificarsi proprio con il personaggio della Bestia, condividendone i dolori ed i tormenti, provando così per esso una forte comprensione ed un grande affetto, attraverso un percorso emotivo che inizia con il rifiuto verso questo essere mostruoso e apparentemente cattivo e termina con il sentimento di condivisione della condizione di “diverso”, non desiderandone più la morte ma la felicità.

“La Bella e la Bestia” è una storia che parla con delicatezza al nostro cuore, con l’obiettivo di insegnare a ricercare la bellezza delle cose e delle persone oltre alle apparenze, a capire che spesso essa si cela sotto le sembianze che possono apparire sgradevoli: solo se si impara a superare la superficialità e le convinzioni si può apprezzare la vera bellezza, quella interiore e profonda.

La compagnia Il Baule Volante vede ne “La Bella e la Bestia”, con la direzione di Roberto Anglisani, il raggiungimento della sua piena maturità artistica in uno spettacolo che porta il teatro di narrazione ben al di là delle sue possibilità, grazie all’utilizzo di diversi registri recitativi, che crescono sempre di più di emotività, e all’esaltazione della gestualità e di un doppio binario di narrazione, lasciando da parte un uso abbondante di oggetti di scena.

Ciò aiuta a rendere la rappresentazione essenzialmente realistica, a tratti epica, a tratti ironica, incontrando sempre l’attenzione e l’emozione dei piccoli spettatori.

LA BELLAE LA BESTIA

con Liliana Letterese e Andrea Lugli

regia Roberto Anglisani

drammaturgia del movimento Caterina Tavolini

produzione Accademia Perduta/Romagna Teatri

in collaborazione con Il Baule Volante

teatro d’attore

pubblico: da 6 a 12 anni

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.