Quantcast

A tu per tu con Maria Francesca Milani, giovane stilista piacentina

Maria Francesca Milani, piacentina doc, classe 1990, è oggi già una stilista apprezzata per la raffinatezza e quel gusto elegante che la caratterizza.

Dopo aver ultimato i suoi studi al liceo artistico Cassinari di Piacenza, Maria Francesca ha fortemente voluto, con determinazione, intraprendere la strada della moda.

“Ero ancora liceo, frequentavo l’ultimo anno, e sempre più rimanevo affascinata dal mondo della moda. Non mi stancavo di guardare le sfilate dei famosi stilisti e con occhio critico esaminavo le loro creazioni. Dentro di me sentivo crescere l’ambizione di intraprendere anch’io quella strada, che mi avrebbe permesso di esprimere la mia creatività, realizzando qualcosa di tutto mio” racconta.

Una volta diplomatasi, Maria Francesca parte alla volta di Firenze e qui si scrive al Polimoda Fashion Institute (la prima scuola di moda italiana, tra le prime dieci al mondo). Dopo tre anni, completato il ciclo di studi, è notevolmente arricchita di conoscenze che ancor più l’hanno convinta che il campo della moda sia quello giusta per lei. Arrivano così le prime conferme, come l’opportunità di lavorare come stagista per il noto stilista Flavio Castellani. A questa esperienza ne seguono altre, con marchi prestigiosi Tod’sValentino Gucci.

“Una cosa che fin da bambina mi ha sempre colpito è il colore, ne sono affascinata e amo i colori, per questo nelle mie creazioni ne faccio un grande utilizzo, al contrario del nero. E’ così per i vestiti che io per prima porto, così come nei capi che disegno e realizzo – dice Maria Francesca -. Inoltre ho voluto rivoluzionare l’intimo femminile, sdoganando il preconcetto che l’intimo debba essere indossato sotto i vestiti, di fatto rimanendo celato alla vista della gente. Per me è parte integrante del concetto di eleganza e, in qualità di vero e proprio capo d’abbigliamento, mi piace pensare che possa essere portato come fosse un vestito e che, come tale, metta in evidenza il carattere e la personalità di chi lo indossa”.

Altra passione che la contraddistingue è l’uso delle piume. Maria Francesca le aggiunge a scarpe, borse e zaini rendendoli oggetti unici. Questo ci spiega che la moda non è un’arte che si improvvisa. “Ho infatti seguito un lungo corso specifico dal quale ho preso l’utilizzo delle piume e delle pelli” .

“Mi rendo conto che il percorso che ho scelto è una strada tutta in salita, ciononostante da un paio di anni, non senza fatica e riuscendo a superare momenti di sconforto, mi sono messa in proprio. Sento che i miei sogni hanno finale preso corpo e si stanno realizzando. A Firenze ho avuto l’opportunità, nel mio piccolo, di affermarmi”.

Ma l’amore che la lega alla sua Piacenza non è mai venuto meno. In via Garibaldi, al negozio Circolo 10, sono in vendita alcune delle sue creazioni. MFM è il suo logo, il suo marchio distintivo (ecco il suo sito www.mariafrancescamilani.com), e su Instagram, in più di un’occasione, sono stati postati scatti di fashion blogger che indossano un vestito MFM, rigorosamente contrassegnati dall’hashtag MFM.

Già nel 2016, a Piacenza, ha organizzato una sfilata, nel noto locale della movida piacentina La Chiesetta. Ma è Firenze dove Maria Francesca ha organizzato e organizza eventi che le permettono di mostrare ciò che realizza con così tanta passione e inventiva.

Le chiediamo quale sia il suo stilista preferito, quella che forse l’ha ispirata maggiormente: “Nessuno in particolare. Amo la filosofia della donna di Prada, così legata al femminismo. Inoltre in futuro mi piacerebbe promuovere l’imprenditoria femminile, mettendo insieme donne come me che amano quello che fanno, che si sentono emancipate: la mia idea è che insieme possiamo sicuramente creare qualcosa di grande”.

Maria Francesca è molto attenta anche alle tematiche sociali. Da anni è assidua donatrice di sangue e ci confida che sogna di poter organizzare eventi con i quali anche organizzare raccolte fondi per beneficenza.

Stefano Pancini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.