Vigolzone: nove i progetti in competizione per il Bilancio Partecipativo

Entra nel vivo il percorso finanziato dalla Regione Emilia Romagna con l’apertura delle votazioni che decreteranno i progetti che saranno realizzati nel 2018

Il percorso del Bilancio Partecipativo di Vigolzone entra nel vivo con l’apertura del voto che permetterà ai cittadini di scegliere quali progetti realizzare nel 2018 con le risorse stanziate dal Comune a questo scopo.

Venerdì 19 gennaio alle ore 21 al Centro civico comunale si svolgerà l’assemblea pubblica di presentazione dei progetti che sono stati ammessi alla fase finale e che saranno illustrati direttamente dai proponenti. Al termine dell’incontro si aprirà il voto, che potrà essere effettuato online oppure in apposite postazioni allestite in municipio e in altri luoghi pubblici.

I progetti sui quali i vigolzonesi sono chiamati ad esprimersi sono il risultato della prima fase del percorso di partecipazione, durante la quale singoli cittadini, gruppi e associazioni hanno presentato le loro proposte, proposte che sono poi state analizzate dai tecnici comunali per verificarne la conformità rispetto alla normativa vigente e agli ambiti di competenza comunale e la realizzabilità rispetto al budget disponibile.

“La prima parte del progetto è andata bene, e questo ci conforta nella scelta che abbiamo fatto di sperimentare il Bilancio Partecipativo, uno strumento di partecipazione innovativo, che non solo permette ai cittadini di fare delle proposte, ma dà anche la possibilità di decidere come impiegare una parte delle risorse comunali”, commenta l’assessora Silvia Milza.

I progetti in competizione sono nove e comportano investimenti su spazi pubblici, o a uso pubblico. Sono previsti: l’installazione di un sistema di videosorveglianza al Parco della Pellegrina, l’allestimento di un’aula multimediale per organizzare corsi di alfabetizzazione informatica destinati ai non nativi digitali, una dotazione di strumenti per la ricerca scientifica per la scuola materna “Orfani di guerra”, la creazione di un angolo svago e relax per i ragazzi che frequentano il centro di aggregazione, la realizzazione di un orto comune per coltivare ortaggi e erbe aromatiche, ma anche relazioni sociali, il potenziamento dello spazio espositivo del Centro civico, il miglioramento dell’acustica del salone polivalente con tendaggi e impianto di amplificazione, l’allestimento di un museo archeologico per esporre i i reperti trovati sul territorio e piccoli interventi per rendere utilizzabile come campo da basket l’area pubblica del quartiere della Pellegrina.

Con l’avvio del voto si apre anche la campagna elettorale, con i proponenti dei diversi progetti che dovranno convincere i loro concittadini a votare la loro proposta. Potranno partecipare al voto i cittadini iscritti nelle liste elettorali del comune di Vigolzone, i residenti che abbiano compiuto 16 anni e chi vive o lavora a Vigolzone, anche se è residente in un altro comune. Ogni persona potrà esprimere due preferenze e potrà votare una sola volta.

Il voto resterà aperto fino al 12 febbraio e i progetti che avranno ottenuto più preferenze saranno realizzati nel corso del 2018 a patto che i proponenti riescano a co-finanziarli per il 10% del loro valore. Tutte le informazioni sono disponibili online sul portale www.vigolzonepartecipa.org, dove sono pubblicati nel dettaglio anche le proposte presentate e i progetti definitivi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.