Quantcast

Volley, la SuperLega torna alle retrocessioni

Più informazioni su

Venerdì 19 gennaio si è tenuta a Bologna la Consulta di SuperLega, alla presenza della Presidente Paola De Micheli e di tutte le Società, assente solo la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia.

E’ stato esaminato il percorso compiuto fino ad oggi dalla massima serie, che si è data un sistema di regole del tutto innovative per lo sport italiano, molto apprezzate anche dalle altre Leghe europee.

Dopo una lunga discussione, sulla base del Regolamento Organico della Lega Pallavolo istitutivo del sistema delle franchigie che ne fissava anche la scadenza, i Club hanno concordato a larghissima maggioranza che dalla stagione 2018-19 saranno reintrodotte le retrocessioni.

“Di fatto sono passati quattro anni di SuperLega – dichiara l’Amministratore Delegato della Lega Pallavolo Serie A, Massimo Righi – oltre a due precedenti stagioni di blocco della retrocessioni. Sono stati raggiunti gli scopi fondamentali che fissammo con la creazione delle franchigie, perché le nostre Società hanno brillantemente superato la generale crisi economica dell’ultimo decennio”.

“Possiamo orgogliosamente rivendicare di avere raggiunto gli obiettivi: rafforzare la struttura societaria della maggior parte dei Club del nostro massimo Campionato e sviluppare importanti progetti tecnologici e innovativi, quali il Video Check System, la WebTV pay e i diritti televisivi esteri”.

“Nei prossimi giorni incontreremo la Federazione per illustrare le nostre idee in tema di riforma Campionati di Serie A, improntate a condividere obiettivi comuni con la stessa FIPAV”.

L’agenda della Lega Pallavolo prevede, oltre agli incontri con la Federazione e la Consulta di Serie A2, la creazione di una commissione dei Club che – si legge in una nota – possa portare nel giro di un paio di mesi alla realizzazione della riforma nel dettaglio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.