PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Atletica 5 cerchi, Sara Balordi miglior piacentina U17 nei 400 indoor foto

Più informazioni su

Al Palaindoor di Ancona sono andati in scena i campionati italiani Under 18 e Sara Balordi ha “sbalordito” tutti. Classe 2002 studentessa modello al Liceo Gioia di Piacenza, cresciuta tra le fila dell’Atletica 5 Cerchi ma da quest’anno, Sara, indossa  la maglia del Cus Parma. Dopo la grande performance registrata a Padova due settimane fa che portava il personale della giovane piacentina nei 400 m indoor da 1’00″02 a 58″64 in un sol colpo, ai campionati italiani lascia tutti senza fiato aggiudicandosi la batteria con il crono di 57″46, miglior prestazione piacentina U17 all time.

Nonostante il primo anno di categoria e la prima esperienza ad una finale tricolore, Sara Balordi si presenta agguerrita a fare ancora meglio. Parte dalla sesta corsia senza nessun riferimento davanti a se, così come in batteria, ed al passaggio ai 200 m è più veloce del giorno precedente di due decimi (27″3) esattamente quelli che la porteranno ancora ad abbassare il personale regalandole la quarta piazza italiana: 57″21.

Il tecnico della 5 Cerchi Tiziana Bignami, ex azzurra nei 400 metri ed al 32° anno di presenza attiva sul campo si può ritenere più che soddisfatta: “con Sara stiamo facendo un percorso molto diversificato, lo scorso anno aveva conseguito il minimo per gli italiani cadetti nel salto triplo, nel salto in lungo, nei 300 m e nei 300 m ad ostacoli ed a Clès si è presentata nelle prove multiple, per la stagione outdoor ci concentreremo sui 200 m e ancora qualche 400 m senza  tralasciare gli ostacoli”. Presente nei 60 m ad ostacoli Margherita Michelotti, in splendida forma che purtroppo non riesce ad esprimere totalmente in quanto si ritrova “sotto” al primo ostacolo che è costretta ad abbattere malamente compromettendo definitivamente la gara.

La settimana precedente ai campionati Italiani Junior e Promesse Edoardo Fontana nel salto con l’asta U23 chiude al quinto posto con l’ottima misura di 4,60 m. La Junior Elisa Rinaldi torna sulla pedana del salto triplo dove nel 2015 aveva vinto il bronzo e purtroppo rimane a pochi centimetri dalla finale, ma migliora il personale stagionale. David Palladini, classe 1999, nei 400 m corre la sua batteria in 50″96 che non gli permette di entrare in finale, ma sarà protagonista nella 4×1 giro con la squadra junior del Cus Parma così come Camilla Calandri in forza alla staffetta femminile.

Ai Campionati regionali di categoria a Modena arrivano 5 medaglie: gli astisti ne intascano ben tre: Edoardo Fontana e Massimo Barbieri vincono l’argento regionale nelle categorie promesse ed allievi e la collega Giulia Roverselli chiude sul terzo gradino del podio affiancata da Marlene BorasioElisa Rinaldi si aggiudica la gara di salto triplo, ma non il titolo regionale in quanto passata all’Atletica Cascina di Pisa, argento invece per Camilla Calandri categoria junior. Ottime performance anche per le lunghiste Agata Gremi ed Elisa Rinaldi che superano la fettuccia dei 5 metri. Argento regionale anche dai 60 m ad ostacoli categoria allieve grazie a Margherita Michelotti.

A Parma David Palladini dopo una serie di scelte tattiche non positive, non si fa sfuggire il titolo regionale assoluto nei 400 m indoor e se il detto “sbagliando si impara” il quattrocentista finalmente ha imparato. Il gruppo salti fa faville: capitanato da Elisa Rinaldi, che ad ogni gara continua a migliorare,  plana a 11,55 m nel salto triplo, trascinando Camilla Calandri nell’impresa di atterrare oltre la fettuccia del minimo per i campionati italiani outdoor di Agropoli SA il prossimo giugno chiudendo a 11,36 m. Nel lungo invece grande balzo di Agata Gremi, passata momentaneamente dalla pedana del martello a quella del salto in lungo, con l’ottima performance di 5,32 m. I cadetti dell’Atletica 5 Cerchi si difendono bene: Adele Sundas nel salto con l’asta sale fino a 2,50 m, nel salto in lungo Gabriele Piccinelli si aggiudica il bronzo con 4,75 m, Costanza De Poli chiude con 3,74 m e Lisa Borasio atterra a 3,06 m.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.