PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Una biciclettata attraverso la storia di Piacenza

Una biciclettata attraverso la storia di Piacenza alla scoperta delle tracce del carisma di Vincenzo de’ Paoli in palazzi e luoghi storici della città. E’ questo l’ottavo evento collaterale alla mostra “I colori della carità. San Vincenzo de’ Paoli nei capolavori dell’arte italiana tra ‘700 e ‘900” in corso alla Galleria Alberoni fino a domenica 25 febbraio.

L’originale iniziativa, organizzata da Opera Pia Alberoni e Associazione Velòlento, con la collaborazione dell’AUSL di Piacenza, si terrà domenica prossima 18 febbraio, con ritrovo presso i Giardini Merluzzo alle ore 14.30 per poi portare alla scoperta di luoghi storici e antichi edifici piacentini che custodiscono tracce di importanti attività sociali e caritative vincenziane. Il percorso sarà guidato da Maria Rosa Pezza, ricercatrice storica presso il Collegio Alberoni e da Martina Croci. In caso di maltempo la biciclettata sarà rinviata a data da destinarsi.

Il legame tra Vincenzo de’ Paoli e la città di Piacenza è intenso sia perché il cardinale Giulio Alberoni volle affidare proprio ai missionari vincenziani la cura del suo Collegio e la formazione in esso degli alunni ammessi, ancor oggi la direzione del Collegio è affidata a loro, ma anche perché in città presero vita attività di cura e di carità ispirate al suo carisma. La biciclettata toccherà alcuni luoghi dove hanno operato le Figlie della Carità, Società di Vita apostolica fondata da San Vincenzo De Paoli e Luisa di Marillac a Parigi nel 1633. Le Figlie della Carità furono introdotte a Piacenza nel 1841 per il servizio agli infermi presso l’Ospedale civile e l’Ospedale Militare allora riuniti nell’”Ospedale Grande” di via Campagna. Nella nostra città si occuparono anche di assistenza agli orfani, alle “ragazze pericolanti”, agli anziani attraverso la gestione di laboratori, asili, scuole, orfanatrofi, spesso situati in palazzi nobiliari. Oggi l’ordine non è più presente a Piacenza.

L’itinerario in bicicletta prevede le seguenti tappe: Palazzo Maruffi, Palazzo Caracciolo, Ospizio Vittorio Emanuele II e Ospedale di Piacenza con visita a tutta l’area storica corrispondente all’antico “Ospedale grande”. Questa ultima e interessante tappa del percorso è resa possibile dalla partecipazione di AUSL Piacenza all’iniziativa e sarà guidata da Martina Croci. Per ogni tappa sarà presentata la storia dell’edificio e raccontata la presenza e l’opera delle Figlie della Carità.

Il programma – Il ritrovo è fissato alle ore 14.30 ai Giardini Merluzzo presso palazzo Maruffi Il Pio Ricovero Maruffi sorse dalla beneficenza del conte Carlo Luigi Maruffi III ed occupa ancora oggi le ex dimore della famiglia Maruffi a Piacenza e Pieve Dugliara. In esso le Figlie della Carità esercitarono il servizio di cura agli anziani dal 1857 fino a un anno e mezzo fa. Alle ore 15.15 circa la biciclettata farà tappa a Palazzo Caracciolo in via Borghetto. I fratelli Conti Maurizio e Francesco Caracciolo furono tra i fondatori della Conferenza della Carità a Piacenza nel 1853.

Terza tappa del percorso in bicicletta sarà l’Ospizio Vittorio Emanuele II in via Campagna dove il gruppo arriverà alle 15.45 circa. La sede originaria dell’Ospizio è un palazzo appartenuto ai Radini Tedeschi. Oggi risulta molto rimaneggiato, ma permangono le tracce dell’antica dimora nobiliare e della presenza delle Figlie della Carità. Alle 16.15 circa si terrà la visita a tutta la zona antica dell’Ospedale di Piacenza, corrispondente all’Ospedale Grande. A Maria Rosa Pezza, in questa quarta tappa del percorso, si affiancherà nella conduzione della visita Martina Croci.

Le Figlie della Carità iniziarono il loro prezioso servizio presso l’Ospedale di Piacenza nel 1841, volute da Domenico Ferrari, ex alunno del Collegio Alberoni divenuto poi medico e direttore dell’Ospedale, che, con la collaborazione dell’allora Superiore del Collegio Alberoni, Padre Giriodi, riuscì ad ottenerne la presenza presso la struttura ospedaliera. Di Domenico Ferrari sarà visibile il busto presso l’Ospedale. Si visiterà anche la Sala delle colonne, antica biblioteca dei monaci Olivetani; in essa si terrà l’intervento di alcune rappresentanti delle Dame di Carità che sono ancora attive in città e che racconteranno il loro servizio oggi a Piacenza che attualizza il carisma vincenziano. La visita all’area dell’Ospedale è resta possibile dalla collaborazione all’iniziativa dell’AUSL di Piacenza Il percorso, che transiterà anche per il Collegio Morigi e davanti alla Basilica di S. Eufemia, si concluderà per le ore 18.

Visite guidate alla mostra I colori della carità e ai capolavori artistici del Collegio Alberoni – Per chi non volesse partecipare alla biciclettata, domenica 18 febbraio la mostra I colori della carità e al Collegio Alberoni sarà visitabile con due visite guidate che avranno inizio alle ore 16 e alle ore 17.15. I visitatori portano così compiere un percorso tra i capolavori dell’arte italiana del Sette e dell’Ottocento che narrano vita e carisma di Vincenzo de’ Paoli e saranno accompagnati anche alla scoperta dei capolavori artistici alberoniani tra i quali l’Ecce Homo di Antonello da Messina. Ingresso €. 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.