Quantcast

Cacciatore e Ghisoni (LeU) “Morosità, aberrante la proposta di ripartizione con i contribuenti”

Comunicato stampa dei candidati di Liberi e Uguali Piacenza, Francesco Cacciatore e Alessandro Ghisoni

“Non paghi la bolletta, anche se sei miliardario? Pagano gli altri. La delibera numero 50 dello scorso 1° febbraio di Arera, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas, ha stabilito che il buco creato dagli evasori dovrà essere ripianato dai contribuenti. Questa proposta di ripartizione è aberrante”. Esprimono “viva contrarietà” e il loro “disappunto” i candidati di Liberi e Uguali piacentini, Francesco Cacciatore e Alessandro Ghisoni, candidati rispettivamente alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica per LeU il prossimo 4 marzo, sulla proposta che premierebbe i “furbetti”.

“I cittadini sono sconcertati: quella dell’autorità è una proposta inappropriata, ingiusta e inopportuna. È inconcepibile che i “comuni mortali” paghino salatamente gli incentivi a imprese energivore e alla rete ferroviaria da un lato, e dall’altro ripianino i debiti lasciati soprattutto dalle imprese che chiudono e lasciano con il “becco asciutto” le società elettriche”.

Liberi e Uguali propone “un’azione di recupero mirata: le utenze che risultano morose sono in larga parte relative alle piccole e medie imprese. Proprio per questo – spiegano – appare ancora più assurdo far pagare ai cittadini i costi a cui le imprese non riescono a far fronte”.

“Vorremmo si parlasse di morosità incolpevole e di povertà energetica: un tema che riguardano famiglie ed anziani, ma anche giovani, specialmente studenti. Se prevedere una forma del tutto volontaria di solidarietà da parte di cittadini, imprese e fondazioni, per la costituzione di un vero e proprio “Banco dell’energia” per gli utenti in difficoltà può essere una delle soluzioni, una vera riforma dei bonus energia, gas e acqua ai quali solo una minima parte dei cittadini che ne avrebbero diritto riesce ad arrivare a causa di ostacoli e lungaggini burocratiche, è la cosa da fare. Le banche dati esistenti potrebbero già oggi individuare i cittadini che ne hanno diritto in modo da far scattare automaticamente i bonus. Se non ora, quando?” si chiedono Cacciatore e Ghisoni.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.