Quantcast

Dal 4 marzo la salita al Pordenone. Prezzi ridotti per chi visita anche Guercino

  1. Sarà aperta al pubblico dal prossimo 4 marzo (fino al 10 giugno) la “Salita al Pordenone” nella Basilica di Santa Maria di Campagna. L’iniziativa, promossa e organizzata dalla Banca di Piacenza con la collaborazione del Comune, proprietario della basilica e del Convento dei Frati Minori Osservanti (comodatari della stessa), si avvale del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

L’evento offrirà la possibilità di osservare da vicino i prestigiosi affreschi del Pordenone in tutta la loro bellezza e suggestione, grazie al fatto che nella cupola della Basilica è percorribile una galleria circolare, aperta sull’esterno della città, il cui panorama è così leggibile a 360 gradi.

“Santa Maria di Campagna – ha ricordato il presidente del Comitato esecutivo della Banca di Piacenza Corrado Sforza Fogliani nel corso della conferenza stampa di presentazione – era crocevia di artisti, non esiste centimetro della chiesa che non sia affrescato o coperto da dipinti. Grazie al vescovo di Piacenza è nata una sinergia con la salita al Guercino, vi sarà uno scambio di riduzioni sul prezzo del biglietto per chi vorrà salire sia al Guercino, dal mese di aprile, che al Pordenone”. “La manifestazione – ha poi voluto sottolineare Sforza Fogliani – non gode di contributi publici né comunitari e non grava quindi a sui contribuenti. La Banca di Piacenza come banca terrritoriale riversa sul territorio 40 milioni all’anno, esclusi i finanziamenti, con 530 dipendenti e 60 collaboratori esterni: anche a loro si deve la riuscita di una manifestazione così impegnativa senza gravare sulla finanza pubblica”.

“Una bella occasione per far conoscere le bellezze di Santa Maria di Campagna – ha evidenziato Padre Secondo Ballati, guardiano del Convento dei Frati Minori Osservanti della Basilica – , una chiesa che i piacentini hanno sempre amato. La mia speranza è che questa sia occasione per ammirare opere d’arte, ma anche per sentire l’esperienza spirituale della fede”.

Nel suo intervento il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri ha rivolto il suo ringraziamento a Corrado Sforza Fogliani e alla Banca di Piacenza: “La Banca ha riservato come sempre grande attenzione al territorio per poter farci godere di splendori artistici che diventeranno non solo patrimonio della città ma anche dell’intera nazione. Il mio ringraziamento alla Banca è motivato anche dal fatto che questo evento è stato sostenuto interamente dallo sforzo economico dell’istituto di credito”.

“Mi piace dirlo perchè in questo momento l’investimento dei privati è fondamentale in campo culturale, come abbiamo sentito anche a Roma in occasione dell’assegnazione della capitale della cultura, e questo è un esempio. Un regalo meraviglioso, che non ha coinvolto solo il Comune di Piacenza ma anche altri enti locali come Cremona e Monticelli. Il ringraziamento della città va anche a padre Secondo Ballati che con grande entusiasmo ha aderito all’iniziativa”.

L’evento sarà inoltre collegato anche ad una grande mostra sul Genovesino (che proprio a Piacenza iniziò il suo formidabile percorso artistico) e ad un’altra mostra intitolata “I nuovi Ghittoni”, con opere dell’apprezzato artista piacentino non già esposte alla mostra curata da Vittorio Sgarbi. Il biglietto per la Salita al Pordenone della Basilica di Santa Maria di Campagna darà diritto ad ottenere un biglietto gratuito per l’ingresso alla mostra Genovesino a Piacenza e a quella I nuovi Ghittoni e i disegni della collezione Banca di Piacenza allestite a Palazzo Galli.

Per tutte le informazioni è possibile visitare il sito: www.salitaalpordenone.it.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.