Quantcast

“Chi delinque venga espulso”, l’intervento di Elena Murelli (Lega)

Comunicato stampa

“Queste persone, arrivate in Italia grazie alle politiche dell’immigrazione del Pd, devono essere espulse”.  Lo afferma Elena Murelli, candidata per la Lega alla Camera nel pluricollegio Piacenza-Parma-Reggio Emilia.

L’episodio a cui fa riferimento la candidata del Carroccio è l’ennesimo arresto di un pusher nigeriano ai Giardini Margherita.  L’immigrato è stato bloccato dai carabinieri dopo aver cercato di fuggire. Episodi che ormai si ripetono e che vedono protagonisti spesso profughi, richiedenti asilo, clandestini che per vivere in Italia delinquono «alla faccia dell’accoglienza e dell’integrazione predicate dal centrosinistra».

Il giovane africano, senza fissa dimora e con numerosi precedenti penali, «deve tornare al suo Paese. La Lega propone l’espulsione per tutti questi finti profughi con precedenti penali e anche per chi non ha diritto a restare in Italia. L’espulsione deve essere reale e non come viene praticata ora. Un altra regola da applicare è lo sconto di pena nel loro Paese di origine.

L’accoglienza non può essere senza limiti e senza regole». Murelli, infine, esprime solidarietà alle Forze dell’ordine che «ogni giorno hanno a che fare con questi immigrati, rischiano di essere aggredite e sono limitate nel fare indagini e sorvegliare il territorio».  Un territorio sempre più invaso dalla droga, come dimostrano i recenti bilanci di polizia e carabinieri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.