Quantcast

Elia Favari, il debutto nella Vigor Carpaneto e le “paste”

Partita Romagna Centro-Vigor Carpaneto 1922 di domenica scorsa. Minuto 87’, si alza la lavagnetta luminosa dei biancazzurri piacentini: fuori il numero 8 Giacomo Rossi, dentro il numero 18 Elia Favari. Per lui, un momento speciale: classe 2000, l’ingresso ha sancito il suo storico esordio in serie D con la prima squadra guidata da Stefano Rossini.

Originario di Calendasco, dopo i primi passi calcistici a San Nicolò è maturato nel settore giovanile del San Giuseppe, mentre quest’anno – al primo anno Juniores – è approdato alla Vigor Carpaneto 1922. Domenica scorsa a Martorano è arrivato il debutto, “accarezzato” in alcune partite precedenti dove era stato portato in panchina senza tuttavia entrare sul rettangolo di gioco.

“Non me l’aspettavo – confessa Elia ripercorrendo il momento – eravamo sull’1-1, in 10 contro 11 e in fasi calde della partita. Mister Rossini mi ha dato fiducia e mi ha schierato in campo; con lui mi trovo molto bene. Una volta entrato, ho cercato di fare del mio meglio in questo importante scampolo di partita”.

Più teso o emozionato?

“Difficile dirlo, anche perché è successo tutto molto in fretta. Sicuramente, devo ringraziare i miei compagni che mi hanno incitato e aiutato”. Le parole non bastano, perché simpaticamente mercoledì Elia è stato invitato a portare le paste all’allenamento, doverosa “tassa” da pagare per l’esordio.

Come ti definiresti da centrocampista?

“Posso giocare centrale o interno e il piede dominante è il sinistro. Tra i più grandi alla Vigor nel mio reparto mi ha impressionato Stefano Mauri per la sua grande facilità nel giocare la palla”.

Ai massimi livelli, invece, chi è il tuo modello?

“Mi è sempre piaciuto Pirlo, lo guardavo giocare e lo apprezzavo anche come comportamento: mai sopra le righe”.

In questi mesi, anche l’avventura con gli Juniores nazionali.

“Anche lì mi trovo molto bene”.

UN TURNO DI SQUALIFICA PER SYLLA E ROSSI  – Nel frattempo, il giudice sportivo ha fermato per una giornata i biancazzurri “Pape” Sylla e Giacomo Rossi: il primo è stato espulso domenica per doppia ammonizione, mentre il secondo ha ricevuto l’ulteriore cartellino giallo dopo la diffida e sarà così assente, al pari dell’attaccante senegalese, per la sfida casalinga di domenica contro il Vivi Altotevere Sansepolcro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.