Quantcast

“Esterrefatti, nessuno avrebbe pensato a un gesto simile”

“Siamo esterrefatti”. Don Giuseppe Rigolli, parroco di Castell’arquato (Piacenza), non riesce a credere al dramma che si è consumato nella notte tra le mura della cascina di via Ricò, sfociato nell’arresto del padre di famiglia per tentato omicidio nei confronti della moglie e del figlio, ricoverati a Parma in gravi condizioni.

Il sacerdote aveva avuto modo di fare due chiacchiere con il presunto autore dell’aggressione proprio poche ore prima. “Gli ho parlato ieri mattina e chiunque l’avesse incontrato non avrebbe mai detto che una persona così avrebbe compiuto un gesto del genere” commenta il parroco. “È un fatto che riempie un pò di dolore tutti quanti, l’unica cosa ragionevole in questo momento è la preghiera”.

Al cordoglio si unisce anche il primo cittadino del paese, Ivano Rocchetta, che come don Rigolli questa mattina ha raggiunto l’abitazione dove è avvenuto il dramma, appena informato dell’accaduto. “È un tragedia inaspettata per Castell’arquato, lui e la sua famiglia sono conosciuto da tutti, era una persona che non ha mai fatto del male a nessuno. Non ci resta che raccoglierci e pregare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.