Quantcast

A Grosseto il peggior Piacenza della stagione sconfitto dal Gavorrano (1-0)

Più informazioni su

Gavorrano – Piacenza (1-0) FINALE

Damonte 57′

Una prestazione tutta da dimenticare quella del Piacenza a Grosseto contro la cenerentola del girone Gavorrano.

I biancorossi escono sconfitti dopo un delle peggiori partire della stagione.

Il commento di Luigi Carini

Cosa sta succedendo al Piacenza? Qual è il male oscuro di questa squadra incapace di esprimere adeguatamente il proprio valore che non sarà tra i migliori ma che è indubbiamente superiore alla sua attuale classifica? Perché sempre così discontinua nelle prestazioni?

Il dibattito è aperto ed ogni tifoso ha la sua diagnosi e, di conseguenza, la sua ricetta. Per un’ora (fino al gol subito), a Grosseto sul campo della Cenerentola Gavorrano è davvero un Piacenza sconcertante che resta in partita solo grazie alle parate prodigiose di Fumagalli.

Solo dopo il gol preso si è vista una seppur timida reazione, più illusoria che concreta: Franzini le ha provate tutte (tatticamente) ed ha messo in campo un po’ tutti i giocatori a disposizioni sia la vecchia guardia che i nuovi arrivati; ma il risultato non è cambiato sia nell’espressione che nella sostanza.

A questa squadra manca, probabilmente l’uomo guida, il trascinatore capace di trascinare e dare i tempi e l’orgoglio alla formazione. Avevamo sperato fosse Taugourdeau, ma il francese non incide più, come un tempo nella manovra, ed anche Corradi non sembra attraversare un periodo di gran forma. Così come Pesenti a tratti irriconoscibile.

Le squadre di Franzini fuori casa hanno sempre brillato; recentemente, invece, sono apparse fragile ed approssimative.
Il campionato è ancora lungo ed il tempo per recuperare non manca a condizione che si registri un deciso cambio di tendenza.

A nostro avviso il D.S. Luca Matteassi può essere prezioso determinante nel trovare la quadratura del cerchio prima che il pessimismo ed il distacco coinvolgano i tifosi.

TABELLINO

GAVORRANO (3-5-2): Falcone; Borghini, Marchetti, Ropolo; Gemignani (35’st Papini), Remedi, Vitiello, Damonte, Favale (30’st Bruni); Barbuti (30’st Moscati), Brega. A disposizione: Pagnini, Luciani, Parisi, Bruni, Malotti, Carlotti, Maistro, Santi. All. Favarin.

PIACENZA 4-3-3: Fumagalli; Castellana, Silva, Pegreffi, Masciangelo; Segre (38’st Franchi), Taugordeau, Corradi (24’st Pesenti); Di Molfetta, Romero, Corazza (24’st Della Latta). A dispoizione: Lanzano, Basile, Mora, Bini, Masullo, Zecca. All. Franzini.

Arbitro: Morianesi di Ciampino.

Marcatori: 12’st Damonte.

Note: ammoniti Damonte, Favale, Masciangelo.

In vantaggio in padroni di casa nella ripresa con Damonte al 58′. Il gol del vantaggio arriva grazie ad un’autentica prodezza: il numero 8 rossoblù riceve da Borghini, controlla e calcia di prima un bolide che si insacca sotto l’incrocio.

Finisce in parità senza reti il primo tempo a Grosseto tra Gavorrano e Piacenza.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.