Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - UniCatt

“La libertà è una difficile conquista”, il pedagogista Meirieu martedì a Piacenza

Martedì 27 febbraio alle 15.30 l’Università Cattolica di Piacenza ospiterà il pedagogista di fama internazionale Philippe Meirieu.

Tra i  libri di maggior successo dello studioso “I compiti a casa. Genitori, figli, insegnanti: a ciascuno il suo ruolo” (Feltrinelli, 2013), “Lettera agli adulti sui bambini di oggi(Junior, 2011), “Infanzia, educazione e nuovi media” (Erickson, 2008).

Alla Cattolica di Piacenza Meirieu parlerà soprattutto dell’educazione alla libertà, uno dei temi affrontati nel suo ultimo libro appena tradotto in italiano: Pedagogia. Dai luoghi comuni ai concetti chiave (Aracne, 2018).

“Il dibattito sul tema dei limiti e delle regole, contrapposto all’idea di libertà e di assoluta flessibilità nell’educazione dei bambini e dei giovani, è da alcuni anni oggetto di grande dibattito, e rispecchia l’inquietudine degli adulti” sottolinea il professor Daniele Bruzzone, docente di Pedagogia nella facoltà di Scienze della formazione della Cattolica di Piacenza.

“Per questo abbiamo pensato di proporre un incontro sul tema dell’autonomia, che possa servire agli educatori, agli insegnanti e ai genitori, coinvolgendo una delle voci più autorevoli sul piano internazionale: il professor Philippe Meirieu”.

Meirieu, emerito dell’Università di Lyon, è un pedagogista francese molto noto anche fuori dal suo Paese, che ha sempre coniugato l’impegno intellettuale con quello politico e istituzionale. Concetto cardine della sua pedagogia è che tutti sono educabili, nessuno escluso. Secondo Meirieu l’educatore non  ha mai il diritto di gettare la spugna o di disperare. E’ il suo giuramento di Ippocrate.

Alla Cattolica di Piacenza Meirieu parlerà soprattutto dell’educazione alla libertà, uno dei temi affrontati nel suo ultimo libro appena tradotto in italiano: Pedagogia. Dai luoghi comuni ai concetti chiave (Aracne, 2018).

La formazione alla libertà, secondo Meirieu, è un lavoro complesso di cui deve farsi carico l’educatore per aiutare il ragazzo ad assumere progressivamente la responsabilità delle proprie azioni.

La tentazione della rinuncia è dietro l’angolo, soprattutto oggi, in tempi di crisi del principio di autorità. Passare dall’autorità dogmatica e repressiva all’ “autorità che autorizza” e quindi fa crescere: ecco la sfida che Meirieu lancia agli educatori.

Un atteggiamento educativo, dunque, che dà fiducia e incoraggia all’indipendenza, ma sa anche stabilire dei limiti. “Si tratta”, aggiunge Daniele Bruzzone, “di saper dire di no per permettere ai bambini e ai ragazzi di imparare a dirsi di no. Il senso dell’autonomia, infatti, non è vivere senza regole, ma sapersi autoregolare”.

Una sfida difficile, ma a cui non ci si può sottrarre, in nome dei doveri che abbiamo nei confronti delle future generazioni.

Conferenza magistrale organizzata dalla Facoltà di Scienze della formazione della sede di Piacenza, in collaborazione con il Dipartimento di Pedagogia. Aula: Gasparini –  Ore: 15.30-17.30
Via E. Parmense 84, Piacenza.  Ospite Philippe Meirieu Professore Emerito della Université Lumiére-Lyon II

Il Prof. Meirieu terrà la sua relazione in lingua francese. E’ stato predisposto il servizio di traduzione.

Intervengono:

  • Prof. Luigi Pati, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione
  • Prof. Daniele Bruzzone, Docente di Pedagogia generale e sociale
  • Prof. Enrico Bottero, Dirigente scolastico e Pedagogista

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.