PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lotta all’abbandono di rifiuti, on line corsi per ispettori ambientali volontari

ATERSIR – Agenzia d’ambito del Servizio Rifiuti – ha attivato un corso online per formare gli Agenti accertatori e gli Ispettori ambientali volontari: figure in carico a gestori, Comuni e Unioni per la sorveglianza del territorio e per sanzionare violazioni quali ad esempio l’abbandono o l’errato conferimento dei rifiuti. Agenti accertatori e Ispettori volontari sono le nuove figure previste dalla Legge Regionale sull’economia circolare (16/2015) per potenziare le azioni di informazione, vigilanza e controllo sul territorio regionale.

Il corso è realizzato sulla piattaforma regionale di E-learning SELF da ATERSIR in collaborazione con ANCI Emilia-Romagna, ed è destinato a formare:

  • Agenti accertatori – figure professionali incaricate dai gestori e destinate all’accertamento e alla contestazione di sanzioni in caso di comportamenti che violino il corretto funzionamento del servizio di raccolta rifiuti
  • Ispettori ambientali volontari – figure che Comuni e Unioni possono incaricare con funzioni di controllo, prevenzione e supporto al corretto conferimento, alla gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti sul territorio.

“La graduale introduzione delle diverse modalità di raccolta differenziata – afferma Vito Belladonna, Direttore di ATERSIR – porta fisiologicamente alcuni cittadini a non adempiere, per pigrizia o per disinteresse, alle nuove e più accurate procedure di raccolta e differenziazione dei rifiuti. Tali comportamenti, sono dannosi per il territorio e verso quei cittadini che scrupolosamente e con sforzo personale contribuiscono al raggiungimento di risultati ambientali e al decoro urbano attraverso un corretto conferimento dei propri rifiuti.”

“Visto che il ruolo di queste figure comporta delicati rapporti con i cittadini – rafforza Stefano Mazzetti, delegato ambiente di ANCI Emilia-Romagna e Sindaco di Sasso Marconi – è fondamentale che siano adeguatamente formate, autorevoli e competenti sulle modalità di raccolta dei rifiuti adottate in ogni comune, che rispondono a precise norme nazionali e regionali. In accordo con ATERSIR abbiamo inoltre voluto che il corso fosse realizzato con modalità e-learning, riducendo così le complessità e i costi (economici, organizzativi e ambientali) dovuti ai tradizionali corsi frontali in aula che coinvolgono centinaia di persone sul territorio regionale.”

È un altro tassello – conclude Vito Belladonna – che compone la complessa attività dell’Agenzia orientata da un lato al raggiungimento degli obiettivi di ridurre i rifiuti e migliorare la raccolta differenziata garantendo dall’altro una sempre migliore qualità del servizio ad un costo corretto ed equo”.

Come funziona il corso – Il corso online, attivato in modalità di test già da novembre 2017, ha superato la prova dei primi utenti ed è oggi pronto ad accogliere i candidati per la formazione. Comuni e Unioni di Comuni possono identificare i volontari interessati a diventare Ispettori Ambientali, mentre i gestori del servizio rifiuti identificano i dipendenti che intendono abilitare al ruolo di Agenti Accertatori. Gli utenti selezionati potranno portare a termine una preiscrizione sul sito www.atersir.it e riceveranno, a seguire, le credenziali di accesso alla piattaforma di e-learning regionale SELF.

Il corso è composto di molte sezioni, tutte articolate con contenuti multimediali, brevi lezioni frontali e sintesi testuali. Ogni argomento è rigorosamente corredato da collegamenti alle fonti normative che i candidati dovranno approfondire per superare i test previsti per ogni sezione.

Al termine di ognuno dei 3 moduli formativi (Definizione delle figure coinvolte – Ambiti di intervento e mansioni – Strumenti operativi assegnati ad Agenti e Ispettori) è necessario superare un test intermedio. Conclude il percorso un test finale superato il quale si riceverà l’attestato di frequenza.  Tale titolo è necessario per partecipare alla seconda parte del corso (modulo locale), la cui organizzazione è di competenza comunale, che ha per oggetto tematiche di livello locale e che a sua volta si conclude con un esame finale. La modalità e-learning consente inoltre di effettuare tempestivamente aggiornamenti del corso in caso di adeguamenti normativi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.